/ di

Luca Tescaroli

Articoli In Edicola di Luca Tescaroli

Commenti - 23 Maggio 2019

Dopo la strage di Capaci nasce pure la speranza

Inghiottiti da una devastante esplosione, nel territorio del Comune di Isola delle Femmine, il 23 maggio 1992 morirono Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli agenti di scorta Antonio Montinaro, Rocco Di Cillo e Vito Schifani, in otto rimasero feriti. Cosa rappresentò quell’attentato, che fu presentato al mondo come la strage di Capaci? A distanza di […]
Commenti - 27 Novembre 2018

Mafia, far fruttare le aziende confiscate

La realtà giudiziaria ci ha mostrato che le aziende, con l’intervento della misura di prevenzione patrimoniale, tendenzialmente sono destinate al fallimento o alla cessazione, il che dimostra all’esterno l’incapacità dello Stato di gestire le imprese mafiose. La chiusura di 9 aziende su 10 rappresenta un dato che potrebbe apparire allarmante. Il dato va, però, analizzato […]
Cronaca - 2 Giugno 2018

Stragi ’92-’93, è ora di una commissione

Sono trascorsi cinque lustri da quel 27 maggio 1993, allorché una violentissima detonazione sconvolse il centro di Firenze. Il tempo ha ingiallito i ricordi, che cominciano a scolorire persino per chi ha vissuto quegli anni, ma non per i familiari delle cinque vittime innocenti cancellate per sempre e dei sopravvissuti. 35 furono i feriti. La […]
Commenti - 3 Gennaio 2018

Cambiare la giustizia in poche, facili mosse

Una nuova legislatura si aprirà nell’anno appena iniziato. L’auspicio per la giustizia penale è che si assista a un fattivo impegno da parte della futura compagine governativa e degli operatori del diritto per disegnare un modello processuale capace di far fronte alle esigenze fondamentali del cittadino: accertare la verità, conoscere in tempi ragionevoli (non più […]
Commenti - 14 Settembre 2017

A Livatino dobbiamo ancora molto

Il 21 settembre 1990 veniva eseguito con ferocia l’omicidio del giudice Rosario Livatino, in contrada san Benedetto di Favara, lungo la strada statale n. 640 da Canicattì per Agrigento, una Fiat Uno, con due sicari a bordo, affiancava e superava la Fiesta sulla quale viaggiava il giudice non ancora 38enne, costringendolo a fermarsi, mentre sopraggiungeva […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×