/ di

Alex Corlazzoli Alex Corlazzoli

Alex Corlazzoli

Maestro e giornalista

Nella vita non avevo previsto di fare l’insegnante. Ho sempre sognato di fare il giornalista. Anzi da bambino avrei voluto fare il prete. Sono nato in campagna da una famiglia di operai, dove libri e giornali, in casa, non esistevano. Mi sono iscritto al liceo e ho terminato il mio curriculum scolastico alle magistrali. Ma la mia “scuola” sono state le strade del mondo: l’esperienza tra i ragazzini dei quartieri più difficili a Palermo, come l’incontro con Sarina Ingrassia che ha dedicato la vita ai “picciriddi” di Monreale; la conoscenza delle altre culture nei miei viaggi in Mozambico, Senegal, Kenya, Marocco, Palestina, Siria, Giordania, Libano, India, Brasile, Albania, Romania e altri ancora. È stato il giornalismo ad insegnarmi a essere curioso e a pormi sempre nuovi interrogativi. Ho lavorato in piccoli quotidiani e collaborato con settimanali come Diario della Settimana e Avvenimenti. Oggi collaboro con Il Fatto Quotidiano; Altreconomia; Gioia; Che Futuro.it. Tra i libri che ho scritto: Riprendiamoci la scuola (Altreconomia 2011), L’eredità (Altreconomia 2012), La scuola che resiste (Chiarelettere 2012), Tutti in classe (Einaudi 2013) e Gita in pianura (Laterza 2014), #lacattivascuola. Un’inchiesta senza peli sulla lingua (Jaka Book, 2015); Sai maestro che…da grande voglio fare il premier (Add, 2015) scritto con un mio ex alunno. Ma soprattutto faccio il maestro, trasmettendo ai ragazzi tutto quello che la vita mi ha donato. Nel bagaglio delle esperienze: il volontariato in carcere per dieci anni dove ho fondato il giornale Uomini Liberi, l’esperienza nei campi nomadi a Firenze, la lotta alla mafia fatta anche al Nord. Nel 2008 ho fondato l’associazione L’Aquilone che si occupa di integrazione di migranti. Dirigo il mensile Filo diretto a Monreale. Conduco la rubrica “Dietro la lavagna” a Radio Popolare e sono spesso ospite di trasmissione televisive come “Storie Vere” Rai Uno. Candidato sindaco per due volte a Offanengo, al bavero della giacca ho portato per anni una spilla gialla con scritto “Io non ho votato Berlusconi”. Oggi sono convinto che “il vero politico non ha un partito e il vero cristiano non ha una Chiesa”.

Articoli Premium di Alex Corlazzoli

Cultura - 11 ottobre 2017

La Basilicata dimenticata come non l’avete mai vista

Ci sono libri che trasmettono odori, che danno la sensazione di avere a che fare con i cinque sensi. La scordanza (Rizzoli, 19 euro), il primo romanzo della 32enne Dora Albanese è uno di questi. Un “viaggio” fatto da una donna della Basilicata (l’autrice è nata a Matera), in una terra sconosciuta, lontana per tanti. […]
Italia - 12 settembre 2017

Dietro acronimi e tagli, a salvarla resta solo l’amore per gli studenti

Le finestre nel laboratorio di tecnologia al secondo piano non le hanno sistemate. Anche quest’anno la lezione andrà in scena con tanto di spifferi. Ci sono ancora le crepe nel controsoffitto dell’aula al primo piano. Il wifi funziona peggio delle lampadine di Natale. La lavagna multimediale è rimasta ma nessuno è venuto a sistemarla: dicono […]
Cronaca - 3 settembre 2017

E la foto del borseggiatore finisce sul bus

“Non ti vogliamo sui nostri bus. You are not welcome on our buses”. Accanto a questa scritta la foto segnaletica di Salvatore Romeo, 23 anni, pregiudicato, arrestato lunedì scorso dopo aver borseggiato due turiste e rimesso in libertà con l’obbligo di dimora in attesa del processo fissato il 13 settembre. Da ieri mattina i palermitani […]
Italia - 20 luglio 2017

“Per capire chi fossero lui e Falcone bisogna osservare le loro scrivanie”

Pubblichiamo un estratto di “1992. Sulle strade di Falcone e Borsellino” (Melampo) di Alex Corlazzoli, in libreria. Per capire chi fossero i due uomini bisogna entrare nelle loro stanze. La scrivania di Falcone è ancora lì con la sua penna stilografica; le rivelazioni di Buscetta scritte a mano, in maniera precisa e ordinata; gli assegni […]
Cronaca - 29 giugno 2017

Il don di Cl condannato per pedofilia a 4 anni: non potrà più fare il prete

Don Mauro Inzoli, il monsignore cremasco di Comunione e Liberazione, il sacerdote ex presidente del Banco alimentare, condannato per pedofilia, non sarà più prete. La comunicazione è arrivata ieri dal nuovo vescovo della diocesi di Crema, Daniele Gianotti. Il pastore della Chiesa ha dato ai suoi sacerdoti la notizia: “La Congregazione per la Dottrina della […]
Storia di Copertina - 19 giugno 2017

L’ascensore sociale tra i banchi non funziona più

Marco, non ammesso alla classe seconda. Daniele, non ammesso all’esame di Stato. Così è accaduto anche per Luigi e Carolina e tanti altri. Davanti ai tabelloni esposti nelle scuole medie (per usare una terminologia nota a tutti) in questi giorni abbiamo visto ancora nomi e cognomi con accanto una negazione. Bocciati. È accaduto anche alla […]
Commenti - 30 marzo 2017

Tutti uguali finché la scuola non finisce

Sarà un caso ma ieri mattina mentre le agenzie diffondevano i dati dell’indagine Ocse che fotografano un’Italia che può vantare una mobilità sociale visto che la sperequazione in termini di preparazione tra soggetti svantaggiati (con genitori con un livello d’istruzione basso) e avvantaggiati (con almeno un genitore laureato e con oltre 100 libri a casa), […]
Cronaca - 16 febbraio 2017

Scuola che vai, preside che trovi. Dalle multe al “ballo fascista”

Sarà che l’autonomia scolastica li fa sentire manager, sarà che i presidi hanno sempre fatto come credevano ma l’antologia delle stravaganze dei capi d’istituto si arricchisce quasi ogni giorno di nuovi episodi. C’è chi inventa il “Gran ballo in epoca fascista” e chi pretende il video allegato ai curricula dei docenti, chi ridacchia mimando il […]
Italia - 27 gennaio 2017

Bimbe a Birkenau: “L’orrore non va più dimenticato”

Marcello Pezzetti, uno dei massimi studiosi in Italia della Shoah, le chiama “bambine”. Andra e Tatiana Bucci, oggi hanno i capelli bianchi e le rughe ma per la storia sono rimaste due dei cinquanta bambini sopravvissuti al campo di sterminio di Birkenau, in Polonia. Gli altri, oltre 200 mila ragazzini sotto i dieci anni, catturati […]
Italia - 25 gennaio 2017

Guai a parlare di identità sessuale a teatro

Ministra non permetta che le repliche di Fa’afafinevengano cancellate o che un attore sia costretto ad andare in scena con le camionette delle forze dell’ordine appostate fuori dal teatro”. A lanciare l’appello a Valeria Fedeli, a capo del ministero dell’istruzione, è Giuliano Scarpinato, regista e attore di Fa’afafine – mi chiamo Alex e sono un […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×