/ /

Scelti da Il Fatto Quotidiano

L'Arancia

Start-up con i piedi per terra

Come mettersi in proprio? Come scegliere tra srl e srls? Che vantaggi ha una start-up innovativa? Come funziona davvero il crowdfunding? Qui, ogni giorno, una guida pratica per chi vuole aprire la sua impresa; per orientarsi tra bandi e incentivi. Per sapere davvero, con interviste ad addetti ai lavori, come si fa, e per conoscere le storie di chi ce l’ha fatta. Non cerchiamo necessariamente lo Zuckerberg italiano, ma facciamo il tifo per chi prova tutti i giorni a mettersi in proprio, in Italia. www.larancia.org @laranciaonline

Giuseppina La Face

Musicologa

Sono musicologa e violinista. Professore ordinario di Pedagogia musicale nell’Università di Bologna, dove dirigo il Dipartimento delle Arti. Sono direttore di due riviste musicologiche, che pubblicano in cinque lingue: “Il Saggiatore musicale” (Leo S. Olschki, 1994 sgg.) e “Musica Docta” (online, 2011 sgg.). Esercito la critica musicale per “Amadeus”, tengo la rubrica dei libri su “VeneziaMusica”, collaboro al “Quotidiano Nazionale”. Nell’associazione “Il Saggiatore musicale” coordino il “SagGEM” (Gruppo per l’Educazione musicale); nella International Musicological Society ho costituito lo Study Group su “Transmission of Knowledge as a Primary Aim in Music Education”. Ho pubblicato studi sulla Pedagogia e Didattica della musica, la poesia italiana per musica, Bussotti, Händel, la liederistica tedesca.

Roberto La Forgia

Illustratore, fumettista, videomaker

Sono un artista visivo. Realizzo principalmente illustrazioni, video e fumetti. Ho pubblicato il graphic novel "Il Signore dei Colori" con Coconino - Fandango e un paio di libri per ragazzi. Sulle pagine de "Il Male di Vauro e Vincino" ho dato vita a molti personaggi grotteschi, satire dell'Italia di oggi, uno tra tutti "Pasqualino, un tipo Capacissimo". Collaboro con Tricycle, una rivista newyorkese e con altri magazine. Ho trentuno anni e vivo a Milano.

Fulvia Lakovic

Storica dell'arte e museologa

Sono cresciuta a Cittanova d’Istria. All’età di diciotto anni decido di venire a Bologna a studiare Storia dell’arte. Dopo la laurea al Dams e un master in Museologia scelgo di rimanere nel capoluogo emiliano: "Ormai sono una bolognese", penso. A dire il vero la voglia di mare era tanta però, nel frattempo, mi sono innamorata e sposata… insomma, il destino comincia a giocare a 360° a favore di Bologna.

Una bella mattina mi sveglio madre e comincio a osservarla da un altro punto di vista, capovolgo la macchina da presa e dimentico quelle che potevano essere le impressioni negative, poche a dire il vero. Inizio a pensare e lavorare per la città, dapprima realizzando dei video-art didattici, e poi ideando ed elaborando il progetto “Il teatro nel museo e il museo nel teatro” (2006-2007). Penso al “risveglio” di Bologna… voglio rivelare quell’anima nascosta e custodita da secoli gelosamente… e ne sono ancora convinta: la direzione è quella giusta.

Ora faccio la guida turistica, continuo a curare progetti culturali tra i quali “Come racconta la città” con la pretesa di render Bologna ancora più affascinante…

www.boretro.com

Angela Lamboglia

Diversamente occupata

Calabrese d’origine, ma trapiantata da molti anni a Roma, laureata in Filosofia. Collaboro con diverse redazioni giornalistiche on line e con il trimestrale Dwf - Donna Woman Femme, rivista storica del femminismo romano a cui devo, tra le altre cose, il fortunato incontro con le altre diversamente occupate. Con loro ho curato nel 2010 due numeri della rivista dedicati al lavoro, Diversamente occupate e Lavoro. Se e solo se, all'origine del blog diversamenteoccupate.blogspot.com. Faccio parte del progetto Iaph Italia, sezione italiana dell’Associazione internazionale delle filosofe.

David Lane

Giornalista the Economist

Sono un giornalista e scrittore britannico, vivo in Italia da 38 anni e dal 1994 sono corrispondente dell'Economist per i settori affari e finanza. Nella mia esperienza italiana, sono stato anche il coautore di alcuni approfondimenti giornalistici e libri dedicati a Silvio Berlusconi, che hanno avuto eco sia da voi che in Europa. Recentemente ho pubblicato per la casa editrice Laterza Terre profanate, un reportage sul mezzogiorno e le sue contraddizioni, prima fra tutte la criminalità organizzata.

Monica Lanfranco

Giornalista femminista, formatrice sui temi della differenza di genere

Sono giornalista, formatrice sui temi della differenza di genere e sul conflitto e portavoce del Coordinamento Nazionale delle Consulte per la laicità delle Istituzioni. Sono femminista, i miei siti sono www.monicalanfranco.it, www.radiodelledonne.org, www.mareaonline.it, www.altradimora.it e manutenzionilapiece. I miei libri: Uomini che (odiano) amano le donne-virilità, sesso violenza: la parola ai maschi (Marea Edizioni); Parole madri - Ritratti di femministe: narrazioni e visioni sul materno (edizioni Marea). Da 17 anni dirigo il trimestrale femminista Marea.

Luciano Lanza

Direttore di Libertaria

Sono un giornalista. Nel 1971 sono stato fra i fondatori del mensile “A rivista anarchica”, di cui sono stato redattore per dieci anni. Dal 1980 al 1996 ho ricoperto il ruolo di responsabile del trimestrale “Volontà”. Nel 1999 sono stato fra i fondatori del trimestrale “Libertaria. Il piacere dell’utopia”, che ho diretto fino al 2011. Dal 2013 dirigo l’annuario “Libertaria”: primo volume L’anarchismo oggi. Un pensiero necessario, secondo volume La pratica della libertà e i suoi limiti, terzo volume Nel nome di nessun Dio. Fra i fondatori del Centro studi libertari/Archivio Giuseppe Pinelli di Milano, ho pubblicato Bombe e segreti. Piazza Fontana: una strage senza colpevoli (2009). Sono fra gli autori di Pinelli. La diciassettesima vittima (2006), Piazza Fontana 43 anni dopo (2012). Ho lavorato ai quotidiani “Il Globo”, “Piazza degli Affari”, ai mensili “Successo”, “Sipario”, “Espansione”, ai settimanali “Milano Finanza”, “il Mondo” e “Oggi”.

Simona Lanzoni

Vice presidente di Fondazione Pangea Onlus

Mi sono laureata in Scienze Politiche ormai tanti anni fa, mi occupo di diritti umani, contrasto alle discriminazioni di genere e alla violenza, pace, microfinanza e per finire adoro la geopolitica. Si lo so, sono troppi argomenti ma cosa ci posso fare? Sono troppo curiosa e faccio troppe cose. Lavoro da sempre con Pangea per promuovere diritti ed economia, per l’empowerment delle donne e delle bambine. Sono vicepresidente di Pangea ma anche la responsabile dei progetti. Cosa preferisco fare tra le due cariche? ..essere tra le persone, tra le donne sui progetti! Ho vissuto quasi tre anni a Kabul, poi tra Nepal e India sino a quando dopo cinque anni sono tornata in Italia, nuovi progetti nuove responsabilità. Nel 2009 ho iniziato a fare Advocacy tra i vari impegni. Che cosa è? Non mi basta che qualcuno mi dia un pesce per sfamarmi, o mi insegni a pescare in un fiume di proprietà privata, l’advocacy sono le azioni che danno il diritto a tutti di pescare nel fiume! Coordino la Piattaforma CEDAW, rete di associazioni nazionali, con la mia collega Claudia. Come piattaforma abbiamo redatto il rapporto ombra nel 2011. Siamo tra le promotrici della Convenzione NoMore! per il contrasto alla violenza contro le donne in Italia con le principali organizzazioni nazionali che si occupano del fenomeno. Infine siamo a RITMI, rete italiana degli operatori di microfinanza e nella European micro finance network. Come dice Ghandi sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo! www.pangeaonlus.org www.youtube.com/pangeaonlus

Sviluppo economico senza ministro. Ecco gli effetti collaterali
Costituzione a vanvera

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×