/ /

Scelti da Il Fatto Quotidiano

Anna Kanakis

Attrice e scrittrice

Sono una siciliana “assoluta”.

Voglio dire che non conosco vie di mezzo.

A quindici anni divento donna in un giorno. Quando ho capito che per sopravvivere a quella fascia di Miss Italia, dovevo crescere, e subito.

Sono stata attrice di cinema e fiction. L’ho fatto con dignità.

Oggi mi muovo nelle vite degli altri in altra forma; con la scrittura. Quanta gioia mi regala questo viaggio solitario e indipendente!

Ho partorito due volumetti, che definisco i miei: “bimbi di carta”.

Durante la stesura del primo, quando era George Sand l’anima da ascoltare e cercare di far rivivere, mi imbatto in una frase in cui mi sono ritrovata, che dice così: "Io non sono di quelle anime pazienti, che accolgono l’ingiustizia con viso sereno".

Vorrei fosse questa riga, il vessillo del mio blog!

Kerry Kennedy

Difensore dei diritti umani

Sono Kerry Kennedy, settima figlia del Senatore Robert Francis Kennedy. Sono presidente del Robert F. Kennedy Center for Justice and Human Rights e presidente onorario della organizzazione italiana Robert F. Kennedy Foundation of Europe.
Sono l’autrice di un best seller, Being Catholic Now, Prominent Americans talk about Change in the Church and the Quest for Meaning e di Speak Truth To Power.
Ho cominciato a lavorare nell’ambito dei diritti umani nel 1981, investigando gli abusi commessi da funzionari dell’Immigrazione statunitensi ai danni di rifugiati da El Salvador. Da allora ho dedicato la mia vita alla promozione di una giustizia sociale, alla protezione dei diritti fondamentali di ogni essere umano e alla tutela dello stato di diritto, i valori portati avanti da mio padre. Nel 1988 ho fondato il Robert F. Kennedy Center for Human Rights e ho guidato più di cinquanta delegazioni per i diritti umani in tutto il mondo.
Sono molto orgogliosa di avere fondato Speak Truth To Power, una iniziativa globale che comprende il mio libro, uno spettacolo teatrale, una mostra fotografica del Premio Pulitzer Eddie Adams, un documentario della PBS e il progetto educativo. Ho promosso inoltre una legislazione federale che ha incrementato i fondi destinati alla tutela dei difensori dei diritti umani.
Ho partecipato attivamente a ogni campagna elettorale dal 1968.
Sono madre di tre figlie, Cara, Mariah e Michaela.
www.rfkcenter.org
www.rfkennedyeurope.org

Kento

Rapper e attivista

Sono nato e cresciuto a Reggio Calabria, vivo a Roma. Artisticamente mi sono formato negli anni ’90 con i Public Enemy, i Run DMC e la prima generazione di rap italiano. Faccio musica militante, il che mi ha portato a girare i palchi di quasi tutti i posti occupati, i presidii e i luoghi di lotta del nostro Paese. Il mio primo disco solista è del 2009, ed è ispirato alla memoria di Sacco e Vanzetti, mentre l’ultimo uscito, “Radici”(2014), è realizzato insieme a una super band di ispirazione blues, i Voodoo Brothers. Faccio inoltre parte dei Kalafro, un collettivo rap/reggae/folk calabrese. Il nostro album “Resistenza Sonora” è dedicato alla lotta alla ‘ndrangheta, ed è stato definito “il primo disco prodotto dalla mafia”, perché finanziato con proventi di beni confiscati ai boss. Il mio ultimo album

Kiave

Rapper/Musicista

Rapper. Sì avete letto bene, faccio questo nella vita: il Rapper. Sono Cosentino di nascita, ma ormai nomade grazie ai continui traslochi e ai continui live. Tengo salde le mie radici calabre di cui vado fiero e cerco di rappresentare la mia terra ovunque, spostandomi il più possibile perché “viaggiare vuol dire allargare i confini del cielo”. Ho studiato Filosofia all’Università, poi Ingegneria del suono e ho fatto più lavori di quelli che riesco a ricordare, tutto per mantenermi e dedicare la mia vita alla Musica. Non vi annoio con la mia discografia o con l’elenco delle battle di FreeStyle che mi hanno visto protagonista, perché sono notizie facilmente reperibili in rete. Quello che basta sapere su di me è che io sono solo una voce, un esponente di qualcosa di più grande chiamato HipHop: una cultura che da molti anni, ormai, nutre le menti di giovani e non, per portare conoscenza e speranza in luoghi dove queste due entità spesso non trovano posto. Per me l’HipHop è una via d’uscita, un movimento che racchiude 4 discipline (Mcing, Writing, Breaking,e Djing) atte ad offrire una forma d’arte che risulti essere un antidoto alla violenza e alla negatività che invade le strade. La mia arte mi permette di far confluire in creatività tutto l’oscurità che la vita ha impresso nel corso degli anni dentro me. Il desiderio di divulgare questo pensiero, di usare la musica come mezzo per cambiare il mondo, di usufruire dell’arte per dare una speranza a chi ormai è costretto a vergognarsi dei propri sogni, mi hanno portato fin qui. Questo sono io, qualcuno mi chiama Mirko, in molti Kiave… il piacere è tutto mio.

www.mirkokiave.com

www.twitter.com/mirkokiave

www.youtube.com/mirkokiave

www.blue-nox.com

Le mie produzioni musicali: https://itunes.apple.com/us/artist/kiave/id252280893

Elena Kokkinomagoulos

Traduttrice, musicista

Nata a Bologna da padre greco e madre italiana. Dal 2005 al 2009 studentessa presso la University of Southern Mississippi.

Peter Kruger

Imprenditore e Internet-evangelist

Sua passione predominante è l’azienda principiante. Ho studiato fisica teorica, ma da oltre 15 anni mi occupo di Internet e di economia digitale. Polacco per parte di madre e sudafricano per parte di padre, sono nato a Milano, ma romano di adozione. Ho ricoperto vari ruoli nell’industria dei media e della tecnologia, dal project management al business development, dalla programmazione software alla comunicazione e marketing, dalla consulenza per i fondi d’investimento all’amministrazione aziendale. Mi sono laureato con una tesi in meccanica statistica delle reti complesse presso l’Università La Sapienza di Roma, scuola che ha dato contributi storici allo sviluppo della rete italiana. Ho lavorato per numerose aziende nazionali e internazionali, tra cui RAI, Gruppo L’Espresso e Tiscali, occupandomi principalmente del lancio di nuovi servizi Internet e media. 

Fare sempre lo stesso lavoro non mi piace. Ho ricoperto ruoli di consulente, dirigente, amministratore delegato e presidente di varie società del settore. Come consulente ho anche ricoperto ruoli istituzionali per il Ministero delle Comunicazioni durante l’ultimo governo Prodi. Partecipo attivamente come convegnista e formatore, oltre ad intervenire regolarmente sulla stampa  nazionale per divulgare e promuovere la cultura digitale nel paese. Tra le iniziative più recenti a cui mi sono dedicato, l’appello www.agendadigitale.org rivolto alla politica nazionale e alla società civile perché i temi dello sviluppo tecnologico e di Internet vengano messi al centro del dibattito nel paese.

 Oggi sono amministratore delegato di eZecute (ezecute.com), una società che investe e fornisce supporto alle aziende di Internet nella loro fase di start-up. Credo fermamente che il futuro dell’Italia si giochi sul rilancio di un ruolo leader del paese nei settori scientifici e tecnologici. Sono un vorace divoratore di conoscenza negli ambiti storici, economici, scientifici e tecnologici. A tempo perso mi piace programmare algoritmi nel linguaggio C. Ho messo per la prima volta le mani su Internet attraverso un terminale VAX della Digital nel 1993. Da allora, per me Internet è una missione.

Sviluppo economico senza ministro. Ecco gli effetti collaterali
Costituzione a vanvera

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×