Una trentina di attivisti di Fridays for Future ha occupato un vagone della metro B di Roma, per chiedere la gratuità e il potenziamento del trasporto pubblico locale. Uno dei punti dell’Agenda climatica, il programma alternativo proposto dal gruppo, in vista delle elezioni del 25 settembre, su clima, ambiente ed energia. La manifestazione è terminata con un sit in davanti al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ed è una delle ultime in vista dello sciopero globale del 23 settembre. “Il settore dei trasporti è responsabile del 25% delle emissioni di gas serra in Italia – hanno sottolineato gli attivisti in piazza – Il nostro Paese con circa 40 milioni di automobili circolanti è seconda in Europa per auto pro capite”. Questo dipende da metro, tram e bus spesso inefficienti, che costringono i pendolari a calche alle fermate o a code nel traffico per spostarsi.

“Chiediamo che si investa di più sui trasporti pubblici, affinché siano accessibili e capillari in tutta la città – si legge in un post degli attivisti romani – per avere una mobilità che sia sostenibile, accessibile e conveniente” per tutti. In particolare, il piano sul tema nell’Agenda climatica di Fridays prevede la gratuità e sconti sui mezzi locali, adeguamento e modernizzazione del parco autobus e la creazione di infrastrutture, come piste ciclabili, che facilitino gli spostamenti in bici.

“Vogliamo un modello dove un vip può andare a prendersi un aperitivo in Grecia (a bordo di un jet privato) consumando e bruciando le stesse emissioni che una persona comune farebbe in almeno 3 mesi – si chiedono gli attivisti di Roma – o città estremamente collegate, con spazi per le persone e per le biciclette, fermate che non saltano, metro che non arrivano dopo 20 minuti e bus che non prendono fuoco?”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Francia, incendio in un impianto di lavorazione dell’uranio. Attivato il piano di emergenza

next
Articolo Successivo

La mappa dell’Italia fossile: ecco i 120 progetti al Mite legati a fonti inquinanti. Legambiente: “Corsa al gas in barba a caro bollette e clima”

next