Non replico a Salvini sull’aspetto personale, perché mi sono impegnato a condurre una campagna elettorale civile ed educata. Sicuramente Salvini già dal primo giorno mette alla prova questo mio impegno”. Così, a “Coffee Break” (La7), il virologo Andrea Crisanti, capolista Pd nella circoscrizione Europa, risponde al tweet del leader della Lega Matteo Salvini sulla sua candidatura (“Il tele-virologo #Crisanti candidato col PD. #Credo che ora si capiscano tante cose”).

Crisanti spiega di aver accettato l’invito del Pd a candidarsi per “una comunanza di valori e di impegno sociale”, che risale a diversi anni addietro e che “non è una cosa dell’ultimo momento”. Poi torna sulla Lega: “Mi rivolgo agli elettori che vorrebbero votare Salvini: gli errori di valutazione che lui ha commesso in politica estera, in sanità, in economia sono la garanzia degli errori che farà quando avrà la possibilità di governare – conclude – Lega e destra mi accusano di essere troppo rigido nella mia visione sul covid? È sotto gli occhi di tutti gli italiani il fatto che abbiano sbagliato tutto. Non scordiamoci che alla fine della prima ondata volevano liberalizzae tutto dicendo che l’epidemia era finita e invece abbiamo avuto 90mila morti. Questa è la verità. Ripeto: gli errori che hanno fatto sono la garanzia degli sbagli che faranno, perché le persone non cambiano“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Di Maio a La7: “Calenda è del partito degli odiatori, passa il tempo a bullizzare gli altri. Di Battista? Anche lui è iscritto a quel partito”

next
Articolo Successivo

Lite Rampelli-Ricci su La7. “Video Meloni su Mussolini? È una cosa di 26 anni fa”. “Io da giovane non dicevo che Stalin era statista”

next