Un confronto tv tra i quattro leader delle altrettante formazioni e coalizioni in corsa alle elezioni politiche del 25 settembre. La richiesta parte dal leader di Azione, Carlo Calenda, che su Twitter invita Giorgia Meloni, Enrico Letta e Giuseppe Conte a incontrarsi in uno studio televisivo per parlare di progetti e programmi. “Almeno un confronto tra i leader delle quattro coalizioni è necessario. Aiuterebbe gli italiani a valutarne la consistenza e la preparazione”, scrive Calenda postando la foto con i 4 volti.

Il leader di Azione rappresenterebbe anche Italia viva: in accordo con Matteo Renzi, infatti, è suo il nome sul simbolo della lista unitaria depositato al Viminale. Che il centrodestra sia pronto a farsi rappresentare in un confronto televisivo da Giorgia Meloni (Fratelli d’Italia continua a essere il primo partito nei sondaggi) non è però così scontato: come il simbolo della Lega presenta la dicitura Salvini premier, in quello di Forza Italia sta scritto Berlusconi presidente. “Chi prende più voti indicherà il premier”, è stato più volte ribadito. Alla proposta di Calenda comunque, al momento, non sono seguite risposte degli altri esponenti politici. I ricordi così portano al 2006, quando i due leader delle coalizioni di centrodestra e centrosinistra si “affrontarono” in confronti televisivi andati in onda sulla Rai: erano Silvio Berlusconi, a rappresentare la Casa delle Libertà, e Romano Prodi che guidava L’Unione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Fratelli d’Italia candida anche il campione di Formula 1 Emerson Fittipaldi nella circoscrizione sudamericana

next
Articolo Successivo

Umberto Bossi verso la nona legislatura in Parlamento: la Lega pronta a ricandidarlo. Ma stavolta il “Senatur” correrà per la Camera

next