Dopo le critiche dei sindacati alle bozze del decreto Aiuti bis il governo ha ritoccato all’insù la dote stanziata per il taglio fino a dicembre del cuneo fiscale a carico dei lavoratori con redditi fino a 35mila euro, ampliandolo da 1 a 1,2 punti percentuali che si sommano agli 0,8 punti già previsti dalla legge di Bilancio. I benefici del nuovo intervento anti inflazione restano minimi, come calcolato dalla Cgil (vedi tabella). Per chi ha un imponibile di 660 euro al mese si fermeranno a meno di 8 euro lordi, che salgono a meno di 13 euro per chi ne guadagna 1000 lordi. Il risparmio sarà poi di 18 euro per i redditi di 1500 euro lordi, meno di 28 per chi ne prende 2.300 euro lordi, 32 a 2.700 euro lordi. Il beneficio cumulato, considerando che la misura vale da luglio a dicembre, senza considerare la tredicesima varrà tra i 16 e i 194 euro totali.

Poco meglio andrà ai pensionati con assegni fino a 35mila euro annui, per i quali viene anticipata ad ottobre una parte (2%) della rivalutazione legata all’inflazione. Chi riceve dall’Inps 1000 euro al mese se ne vedrà riconoscere 20 in più, che arrivano a 30 per pensioni da 1.500 euro, 40 a 2.000 euro e 47 a 2.500. Il beneficio totale, dato che l’anticipo vale per tre mesi, varierà da 42 a 201 euro complessivi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decreto Aiuti bis, sì del cdm: taglio del cuneo fiscale aumentato fino a dicembre. Nuovi sconti sulle bollette, bonus 200 euro una tantum agli esclusi, pensioni sotto i 35mila euro rivalutate del 2%

next
Articolo Successivo

Delega fiscale verso il binario morto (ma era già un’occasione persa). L’eredità di Draghi sul fisco è il taglio Irpef che avvantaggia di più i redditi medio-alti

next