Il main sponsor Digitalbits non ha pagato la prima tranche per questa stagione e l’Inter lo oscura. La società nerazzurra solo poche settimane fa aveva smentito la notizia ribandendo l’intenzione a collaborare per i risolvere i problemi tra le parti. L’azienda – che ha lanciato la criptovaluta XDB – non ha onorato quando stabilito da contratto, secondo il quale per quattro anni dovrebbe versare 85 milioni di euro, non pagando la prima rata per il 2022/2023. L’impresa da quest’anno è diventata il principale sponsor sulla maglia nerazzurra, mentre in precedenza compariva solo sulla manica.

La situazione è ancora da chiarire. Due cose però sono certe. L’Inter ha chiuso il bilancio del 30 giugno e quindi Digitalbits ha onorato le cifre stabilite a quella data. Al tempo stesso il club non rimane a guardare e ha eliminato il brand dalle proprie piattaforme. In questo senso nell’amichevole di sabato 30 luglio con il Lione l’azienda non sarà presente sui tabelloni. Lo stesso accadrà sabato 6 agosto con il Villarreal. Infine, la presentazione della seconda maglia, inizialmente prevista nei primi dieci giorni di agosto, con ogni probabilità verrà posticipata a settembre. L’intenzione è non dare visibilità a Digitalbits. Rimane in ogni caso complicato procedere a un cambio di sponsor immediato visto che le maglie sono già state distribuite, ma per il futuro l’ipotesi non è da escludere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dopo la furiosa lite Juric-Vagnati, interviene Urbano Cairo: “Non c’è altro da aggiungere”

next
Articolo Successivo

Caso Palomino, le ombre di Zdenek Zeman: “Vicenda strana che fa pensare. Spero resti un caso isolato”

next