C’è un secondo indagato per lo scontro tra lo yacht e la barca a vela, avvenuto vicino all’Argentario sabato 23 luglio. Si tratta del conducente del natante investito e, come quello dello yacht, a suo carico si ipotizzano i reati di omicidio colposo aggravato e danneggiamento con pericolo colposo di naufragio. A renderlo noto, parlando di “atto dovuto” per permettere gli accertamenti, è stata la procura di Grosseto.

Gli inquirenti spiegano che per quanto riguarda la dinamica dell’incidente, nel quale è morto un uomo e risulta dispersa una donna, entrambi occupanti della barca a vela, “sono diverse le ipotesi al vaglio” e “non è possibile” per ora “una prima ricostruzione attendibile dei fatti”. I pm sottolineano anche come non ci sono al momento “elementi circa la possibilità di utilizzo, da parte di uno dei natanti, del cosiddetto pilota automatico”. L’alcol test e i drug-test effettuati, aggiunge la procura, sono risultati negativi.

“Non è stata colpa nostra”, ha sostenuto Nick Horup, figlio di Petr, il danese indagato che era alla guida della yacht, in una mail inviata alla televisione danese Tv2 e ripresa anche dal Messaggero. Il ragazzo, che era a bordo del motoscafo insieme con la sua fidanzata, il padre e la madre, nega anche che l’incidente sia stato causato “dall’alta velocità o dalla mancata attenzione” e ribadisce che la colpa potrebbe essere della barca a vela che non ha rispettato le regole del diritto di precedenza in mare.

“La regola pratica – scrive nella sua versione dei fatti – è che, secondo le regole marittime internazionali, le barche che navigano con un motore devono cedere il passo alle barche a vela”. In altre parole, il motoscafo danese ha dovuto cedere il passo alla barca a vela italiana: “Tuttavia, ci sono eccezioni a questa regola generale. Se la barca a vela italiana ha navigato a motore, le due barche sono equiparate”. Secondo quanto riferito dal ragazzo alla televisione danese, le autorità italiane avrebbero già restituito i passaporti all’intera famiglia che starebbe dunque facendo rientro in Danimarca.

Articolo Precedente

Mantova, 59enne trovata all’interno della sua abitazione un mese dopo la morte. Ancora vivo il cane che viveva con lei

next
Articolo Successivo

Incendio vicino all’aeroporto di Firenze: voli sospesi per oltre un’ora a causa del fumo sulla direttrice di decollo e di atterraggio

next