“A partire da settembre-ottobre, certamente ci sarà una nuova campagna vaccinale, ma personalmente darei la priorità ai soggetti che sono esposti a sviluppare la malattia grave ma questo non vuol dire negare l’accesso ai vaccini a chi ne abbia il desiderio di farlo in età inferiore. Sessant’anni può essere una soglia, o abbassarla ai cinquant’anni come raccomanda il Cdc, sia ragionevole”. A dirlo a Sky Tg24 è stato Franco Locatell], presidente del Consiglio superiore di sanità (Css), ospite di Buongiorno. “L’importante è mettere in protezione i soggetti che sono maggiormente a rischio di sviluppare una patologia grave – ha continuato – Ecco perché è così importante pianificare adesso quello che avrà poi corso nei mesi di fine estate-inizio autunno”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vicenza, bambina di 10 anni molestata in piscina: “Mi stanno toccando”. La sicurezza ferma 2 uomini: un arresto e una denuncia

next
Articolo Successivo

Coronavirus, 83.555 nuovi casi e 69 morti. In area medica i ricoverati sono più di 6mila

next