“La scissione è il fallimento a 360 gradi del nostro percorso, siamo tutti responsabili è la fine di ‘quel’ M5s, adesso c’è un nuovo corso con Giuseppe Conte e sono sicuro che farà tesoro di quanto accaduto”. Così Stefano Buffagni, che resta all’interno del M5S e sceglie di non seguire Luigi Di Maio, arrivando alla Camera dei deputati. Disallineamento sulle posizioni Nato come lamentato da Di Maio? “Probabilmente lui è il più bravo politico del Movimento ed ora non più, ma è chiaro che la vicenda dei due mandati ha influenzato le dinamiche, è inutile che ci raccontiamo favole”. Il presidente pentastellato Giuseppe Conte, intercettato da alcuni cronisti prima di arrivare nella sede del Movimento 5 stelle, per svolgere una nuova riunione insieme ad alcuni big come Paola Taverna, Stefano Patuanelli e Mariolina Castellone, risponde: “È la fine del M5s? Perché i nostri principi non sono più validi? I nostri obiettivi non sono più validi? Non scherziamo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Errori su orrori, agli italiani serve un governo che tuteli il popolo

next
Articolo Successivo

Caro carburanti e reddito di cittadinanza, il question time alla Camera con Cartabia, Giorgetti e Orlando

next