Francesco ‘Pecco’ Bagnaia trionfa nel Gp d’Italia al Mugello nella classe MotoGp. Il portacolori della Ducati, partito quinto in griglia, ha conquistato il gradino più alto del podio davanti al leader del mondiale, il francese della Yamaha Fabio Quartararo che partiva dalla sesta piazza. A completare il podio l’Aprilia dello spagnolo Aleix Espargarò – quarto podio consecutivo per il ‘capitano’ di Noale – che curiosamente partiva settimo dietro al francese. Devono accontentarsi della quinta e della sesta posizione invece Marco Bezzecchi e Luca Marini. I due piloti del team VR46, partiti secondo e terzo, hanno tenuto le posizioni per quasi metà gara prima di cedere al trio di testa e al francese della Pramac Johann Zarco. Gara da dimenticare per Enea Bastianini: il vincitore di Le Mans risalito fino alle spalle dell’Aprilia di Espargarò era il più veloce in pista quando è incappato in una scivolata che lo allontana dalla vetta del mondiale. Va solo leggermente meglio al compagno di squadra Fabio Di Giannantonio che, partito dalla pole, deve accontentarsi dell’undicesimo posto dopo aver tentato a lungo di resistere agli assalti del gruppo di testa.

L’ordine d’arrivo del Gp d’Italia per la classe MotoGp.
1. Francesco Bagnaia, Ducati Lenovo Team, Ducati, 41’18.923;
2. Fabio Quartararo, Monster Energy Yamaha MotoGP, Yamaha, +0.635;
3. Aleix Espargaro, Aprilia Racing, Aprilia, +1.983;
4. Johann Zarco, Prima Pramac Racing, Ducati, +2.590;
5. Marco Bezzecchi, Mooney VR46 Racing Team, Ducati, +3.067;
6. Luca Marini, Mooney VR46 Racing Team, Ducati, +3.875
7. Brad Binder, Red Bull KTM Factory Racing, KTM, +4.067;
8. Takaaki Nakagami, LCR Honda IDEMITSU, Honda, +10.944;
9. Miguel Oliveira, Red Bull KTM Factory Racing, KTM, +11.256;
10. Marc Marquez, Repsol Honda Team, Honda, +11.800.

La classifica generale del Mondiale MotoGp dopo il Gran Premio d’Italia sul circuito del Mugello.
1. Fabio Quartararo, Monster Energy Yamaha MotoGP, Yamaha, 122;
2. Aleix Espargaro, Aprilia Racing, Aprilia 114;
3. Enea Bastianini, Gresini Racing MotoGP, Ducati 94;
4. Francesco Bagnaia, Ducati Lenovo Team, Ducati 81;
5. Johann Zarco, Prima Pramac Racing, Ducati 75;
6. Alex Rins, Team SUZUKI ECSTAR, Suzuki 69;
7. Brad Binder, Red Bull KTM Factory Racing, KTM 65;
8. Jack Miller, Ducati Lenovo Team, Ducati 63;
9. Marc Marquez, Repsol Honda Team, Honda 60;
10. Joan Mir, Team SUZUKI ECSTAR, Suzuki 56.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marc Marquez, l’incubo non è finito: “Mi opero di nuovo all’omero destro”. Tripletta italiana in qualifica al Mugello: Di Giannantonio in pole

next
Articolo Successivo

MotoGp di Catalogna, Espargaro conquista la pole position a Montmelò

next