Da un lato un Paese fatto di amministrazioni pubbliche, imprese e territori che si muovono in tante direzioni diverse per realizzare impianti da fonti rinnovabili, dall’altro i numeri che, nel report Comunità rinnovabili 2022, Legambiente definisce “sconfortanti”. Perché in Italia gli impianti non decollano: sono 1,35 milioni per 60,8 GW di potenza complessiva, di cui appena 1,35 W installati nel 2021, tra idroelettrico, eolico e fotovoltaico. In termini di produzione, il contributo complessivo portato dalle fonti rinnovabili al sistema elettrico italiano è arrivato a 115,7 TWh, facendo registrare un incremento di appena 1,58% rispetto al 2020. Un trend decisamente al di sotto di quelli che dovrebbero essere gli obiettivi annuali “causato dalla pandemia – racconta il report – ma anche e soprattutto dal sistema farraginoso di rilascio delle autorizzazioni per la realizzazione dei progetti”. Crescono, però, le Comunità Energetiche: cento quelle ‘mappate’ negli ultimi tre anni, ma 35 sono le realtà effettivamente operative, 41 quelle in progetto e 24 quelle che muovono i primi passi verso la costituzione. Tra queste 100, però, 59 sono le nuove censite tra giugno 2021 e maggio 2022 (39 sono Comunità Energetiche Rinnovabili e 20 Configurazioni di Autoconsumo Collettivo).

Legambiente: “Così 70 GW tra 124 anni” – “I numeri raccolti dalla nuova edizione del rapporto si confermano drammaticamente insufficienti per affrontare il caro bollette e l’emergenza climatica, per liberarci dalla dipendenza dall’estero – ha commentato Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente – e soprattutto rischiano di farci raggiungere l’obiettivo di 70 GW di nuovi impianti a fonti rinnovabili al 2030 tra 124 anni, se calcoliamo la media di installazione degli ultimi tre anni, pari a 0,56 GW”. Questa la premessa per cui l’associazione chiede al governo Draghi di seguire l’esempio del programma europeo Repower EU: “Smetta di lavorare dando priorità alla diversificazione dei paesi da cui acquistare il gas fossile e climalterante e si concentri invece sulla semplificazione dell’iter autorizzativo e sulla certezza delle regole”. L’obiettivo, si sostiene nel rapporto, è quello di consentire alle aziende del settore “di investire 80 miliardi di euro e realizzare in tre anni 60 GW di nuova potenza, come proposto da Elettricità Futura, in grado di sostituire il 70% del gas russo”.

I dati dei Comuni italiani – Sono 40 i Comuni 100% rinnovabili e 3.493 quelli 100% elettrici. “Numeri che raccontano un potenziale di autoconsumo che potrebbe trasformare il nostro sistema energetico proprio a partire da queste realtà”, spiega Legambiente. Così come i numeri di diffusione delle singole tecnologie: 7.127 i Comuni con almeno un impianto solare termico, 7.855 i Comuni con impianti solari fotovoltaici in cui sono distribuiti 22,1 GW di potenza, 1.054 Comuni in cui è presente almeno un impianto eolico con 11,2 GW, 1.523 Comuni in cui è presente almeno un impianto idroelettrico, per complessivi 23 GW. E ancora 4.101 Comuni delle bioenergie e 942 Comuni della geotermia (tra alta e bassa entalpia). Rispetto ai Piccoli Comuni (sotto il 5mila abitanti), a cui il Pnrr mette a disposizione 2,2 miliardi di euro per la costituzione proprio delle Comunità energetiche rinnovabili, sono 38 i Piccoli Comuni 100% rinnovabili, nove quelli che presentano i migliori risultati in termini di mix energetico, 2.271 i Piccoli comuni 100% elettrici, in grado di produrre più energia elettrica di quella consumata dalle famiglie residenti grazie ad una o più fonti pulite e 772 i piccoli comuni la cui produzione di energia da fonti rinnovabili varia tra il 50 e il 99%. “Questo è il momento per attuare la rivoluzione energetica di cui tutti parlano. Ci sono tutte le condizioni – ha commentato Katiuscia Eroe, responsabile energia di Legambiente – le rinnovabili sono ormai mature, il prezzo delle diverse tecnologie è in continua riduzione, cosa che non si può certamente dire delle fonti fossili, sotto scacco delle logiche geopolitiche”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Goldman prize, il Nobel per l’ambiente vinto da due indigeni A’i Cofan dell’Ecuador

next
Articolo Successivo

McDonald’s dice no alla richiesta di trattamenti meno crudeli per i maiali. “Ci costringerebbe ad alzare i prezzi”

next