Famiglia Montana” era il nome che la baby gang sgominata ad Arezzo utilizzava sui social network. I nove ragazzi che ne facevano parte, tutti minorenni tra i 16 e i 17 anni, si ispiravano allo stile di vita di Tony Montana, gangster di “Scarface“. I capi di imputazione a carico della banda sono vari: associazione a delinquere, rapine, lesioni e minacce aggravate, estorsioni, resistenza a pubblico ufficiale e spaccio di stupefacenti. Ora sei di loro sono in carcere mentre gli altri tre si trovano in comunità. Le misure cautelari sono state emesse dal Tribunale per i Minorenni di Firenze su richiesta della Procura della Repubblica, eseguite dalla polizia di Stato insieme alla Municipale di Arezzo e il Reparto prevenzione crimine.

Sui social network i ragazzi pubblicavano foto che li ritraevano con vestiti neri – per evitare di essere riconosciuti – e con le armi in mano. Il tutto accompagnato da un numero nella didascalia: 52100. È il codice di avviamento postale dell’aretino e indicava i confini della zona sotto il loro controllo. I membri del gruppo, tutti residenti ad Arezzo, si sono resi responsabili, secondo gli inquirenti, di episodi violenti, aggressioni per futili motivi, minacce aggravate commesse a volte anche con l’utilizzo coltelli, tirapugni, colli di bottiglia, avvenute tra il 2021 e il 2022.

Ognuno aveva un ruolo particolare all’interno di un sistema gerarchico che prevedeva anche la possibilità di “fare carriera“. Le indagini hanno messo in risalto il “protocollo operativo“: la vittima, spesso sola e minorenne, veniva avvicinata con un pretesto per poi ritrovarsi improvvisamente accerchiata dal branco che con violenza si impossessava di telefonini, cuffie o portafogli. I soggetti svolgevano azioni diverse affinché tutto andasse a buon fine: c’era chi attirava la vittima con un pretesto, chi materialmente l’aggrediva e chi faceva il “palo” per avvisare gli altri nel caso fosse arrivata la Polizia. A volte le aggressioni erano cercate per futili motivi anche senza la volontà di impossessarsi di qualcosa, ma con l’unico scopo di dare sfogo alla violenza e per affermare la supremazia territoriale della baby gang in alcune parti del centro storico, con particolare riferimento alla zona di Piazza Sant’Agostino.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cei, l’arcivescovo di Bologna Zuppi è il nuovo presidente. La scelta del Papa dopo il pieno di voti all’assemblea della Conferenza episcopale

next