Torna La Confessione con le interviste a 360 gradi di Peter Gomez a protagonisti del mondo dello spettacolo, della cultura, della cronaca e ovviamente della politica. Questa sera, alle 22.45 su Nove, è la volta dell’esperto di geopolitica Edward Luttwak, in collegamento da Washington, seguito dal cofondatore di Fratelli d’Italia Guido Crosetto. Consulente strategico del governo degli Stati Uniti per molti mandati presidenziali, vanta una vita ricchissima di aneddoti, dalla sua esperienza di volontario in tre diverse guerre, alla consulenza al Dalai Lama per migliorare i rapporti tra Cina e Tibet. “A 26 anni lei ha scritto un manuale per realizzare colpi di Stato (Strategia del colpo di Stato. Manuale pratico, ndr). Chi glielo aveva chiesto, come gli è venuta in mente questa storia?”, chiede il conduttore. “Ero a Londra un po’ giovane per il mestiere, ma ero consulente su politica e stabilità del Medio Oriente per le compagnie petrolifere – risponde Luttwak – Quindi bazzicavo da quelle parti. E in Libano, soprattutto a quel tempo, c’erano molti colpi di Stato siriani e io incontravo i protagonisti di questi colpi di Stato. Allora mi è venuto in mente che si poteva ridurre il colpo di Stato da fenomeno idiosincratico differente in ogni tempo e Paese, in un metodo. E quindi ho scritto questo manuale con il titolo come il famoso libro di Malaparte (Tecnica del colpo di Stato, ndr)”.

Ma la storia che sembra tratta anch’essa da un film di spionaggio, non si ferma qui. “A un certo punto, mentre in Marocco c’era un generale che si chiamava Mohammed Oufkir, generale che voleva fare un colpo di Stato contro re Assad, viene ammazzato e gli trovano in tasca il suo libro. Si è fatto delle domande su tutto questo?”, domanda ancora il direttore de Ilfattoquotidiano.it. “Non in tasca! Non in tasca! – puntualizza il politologo – Oufkir è stato ucciso a colpi di pistola nel suo ufficio ed è caduto sul mio libro, che così si è coperto del suo sangue. Questa è la storia che mi ha raccontato il ministro degli Interni, quello che credo gli abbia sparato e che mi aveva promesso che mi avrebbe dato la copia del libro, l’edizione francese, con il famoso sangue di Oufkir, ma il ministro degli Interni, lui stesso, è caduto in un suo tentativo di colpo di Stato. Non ho mai ricevuto il libro e questa è una cosa che mi dà molto fastidio“, ha concluso Luttwak.

‘La Confessione’ è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile in live streaming e successivamente on demand sul nuovo servizio streaming discovery+ nonché su sito, app e smart tv di TvLoft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ucraina, Scanzi su Nove: “L’etichetta di filo-putiniani a opinionisti sgraditi è figlia di un clima da tifosi. Pd colpevole nella caccia alle streghe”

next
Articolo Successivo

Crosetto a La Confessione (Nove) di Gomez: “Il vertice del centrodestra? Tra il maschilismo di Salvini e Silvio e i voti in più della Meloni, l’aria si tagliava col coltello”

next