“Sono tutti più grandi di me, sono tutti più grossi“. Ci troviamo nel bel mezzo di uno dei corsi di rugby di Pasqua alla Sedbergh School, sita nell’omonima cittadina al centro-nord dell’Inghilterra. Un bambino è preso da un attacco di sconforto, ma ecco che arriva un compagno di squadra, che lo prende per le spalle e gli parla faccia a faccia con grande maturità: “Bob, ascoltami. Non importa sei piccolo, basso, alto o grasso. Sei un giocatore incredibile, lo capisci? Abbracciami, dai andiamo”. L’allenatore assiste alla scena, raccoglie un pallone e accompagna i due in campo: “La miglior squadra che ho mai avuto”, dice.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gran Premio di Miami, ora l’ottimismo in Ferrari comincia a venire un po’ meno

next