Apple Pay secondo il Financial Times è nel mirino dell’Antitrust Ue, il sistema di pagamenti digitali di Apple usato da centinaia di milioni di utenti nel mondo è finito sotto accusa a Bruxelles poiché, secondo investigatori guidati dal commissario alla Concorrenza Margrethe Vestager, impedisce ai rivali di accedere al suo sistema di pagamento. Stando al giornale della City, la società da 2,5 trilioni di dollari potrebbe essere soggetta a multe fino al 10% del fatturato globale se le accuse saranno confermate. Il caso, avviato nel 2020, è una delle tante indagini aperte a Bruxelles contro Apple. Secondo il quotidiano britannico la Commissione sarebbe determinata a intervenire nel breve termine, forse già entro la prossima settimana.

La mossa arriva a pochi giorni dall’accordo in trilogo sul Digital Service Act, il nuovo regolamento per i servizi digitali che aumenterà le responsabilità delle piattaforme digitali sulla sorveglianza dei contenuti illegali online, e sul Digital Markets Act, progettato per frenare il potere di mercato dei gruppi Big Tech. Il Financial Times ricorda che lo stesso amministratore delegato di Apple, Tim Cook, all’inizio di questo mese aveva criticato questo progetto. “I politici stanno adottando misure in nome della concorrenza che costringerebbero Apple a consentire alle App su iPhone che aggirano l’App Store attraverso un processo chiamato sideloading”, ha accusato il manager.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guerra Russia-Ucraina, il buco delle sanzioni: triangolazioni con il Kazakistan per aggirare il divieto di export al lusso made in Italy

next
Articolo Successivo

Assemblea Assicurazioni Generali, sul futuro di 63 miliardi di titoli di Stato hanno deciso i fondi esteri votando con Mediobanca

next