“Non sono d’accordo che la risposta alla guerra voluta da Putin sia quella di riarmare tutto il mondo, la risposta non può essere spendere più soldi in armi, ma dobbiamo spendere più soldi in sanità e lavoro”. Sono le parole dal palco di pizza Duomo a Milano del segretario della Cgil, Maurizio Landini.

“Noi abbiamo bisogno – ha aggiunto nel suo intervento per la manifestazione del 25 aprile – di assumere più forza per fermare la follia armata di Putin che sta giocando sulla pelle di tutti un riequilibrio dei rapporti geopolitici”.
“Di fronte alla minaccia del nucleare il genere umano deve porsi un altro obiettivo, quello di abolire la guerra”, ha concluso il segretario della Cgil.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vauro a La7: “Mattarella non è più il garante della Costituzione”. Una signora in piazza lo riprende: “Ma cosa dice?”

next
Articolo Successivo

Il dibattito sull’Ucraina frantuma la sinistra in tribù contrapposte

next