Ha sferrato un calcio in faccia a un ragazzo che non si era fermato al posto di blocco. Per questo un poliziotto della questura di Foggia ha ricevuto un’azione disciplinare ed è stato trasferito ad altra sede.

Il fatto, avvenuto il 2 aprile, è stato reso noto da un video diventato virale sui social network e mandato in onda durante la puntata di mercoledì 6 aprile di Chi l’ha visto, la trasmissione condotta da Federica Sciarelli su Rai3.

Stando a quanto ricostruito, il giovane non aveva la patente ed era alla guida di un’auto sottoposta a fermo amministrativo. Solo al termine di un inseguimento andato avanti per quasi 3 chilometri, il ragazzo si è fermato, raggiunto dalla pattuglia, ed ha avuto luogo l’aggressione.

Durante Chi l’ha visto è intervenuta anche la sorella del giovane fermato: “Non accetto questo abuso. Ha una divisa e deve dare l’esempio, non accanirsi con violenza così”, ha detto in collegamento telefonico, sottolineando che “è giusto che paghi” ma che non saranno “né io né il poliziotto a decidere come, sarà un giudice a decidere la giusta punizione per mio fratello e l’amico, ma non noi”.

La questura di Foggia, tramite una nota, ha fatto sapere che “dell’episodio è stata immediatamente informata l’autorità giudiziaria per l’accertamento delle eventuali responsabilità penali” e che “nei confronti del poliziotto è stata avviata l’azione disciplinare e che lo stesso è stato destinato ad altra sede”. “Nel sottolineare che il comportamento del poliziotto non corrisponde in nessun modo ai canoni e ai valori della Polizia di Stato, si precisa che l’arrestato, senza aver mai conseguito la patente di guida, conduceva un veicolo sottoposto a fermo amministrativo e che probabilmente per tale ragione non si è fermato all’alt intimato dalla pattuglia – prosegue la nota – lo stesso è stato bloccato dopo aver percorso ad alta velocità il centro cittadino per circa 3 km ed aver tentato infine di fuggire a piedi”.

Video TikTok s_e_r_g_i_o_2_1

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Aquila, 13 anni dopo il sisma la ricostruzione rischia un nuovo stop per il caro energia e dei materiali edili

next
Articolo Successivo

No vax, l’Agenzia delle Entrate ha inviato 600mila multe agli over 50 non vaccinati. Quasi 92mila sono in Lombardia

next