Cadaveri con le mani legate dietro la schiena e i segni di colpi sulla nuca. Vittime: civili. Le immagini del massacro di Bucha, città non lontana da Kiev, hanno fatto il giro del mondo e sconvolto l’Occidente. Il presidente ucraino Zelensky definisce i soldati di Mosca “assassini, torturatori e stupratori”. E invece il Cremlino parla invece di una “messa in scena provocatoria”. Quanto accaduto è stato in realtà confermato da molte testimonianze, raccolte dagli inviati di alcune testate internazionali (The Economist, per esempio) e dall’ong Human Saving Rights.

Queste immagini, scattate dai fotografi dell’Associated Press che si trovavano sul posto – Rodrigo Abd e Vadim Ghirda – confermano a loro volta quanto detto dai testimoni, motivo per cui Ilfattoquotidiano.it sceglie di pubblicarle.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Massacro di Bucha, già 3 giorni prima della ritirata il sindaco denunciava: “Fosse comuni e corpi in strada. Orrori da II guerra mondiale”

next
Articolo Successivo

In India trovati detriti spaziali di un razzo spaziale: la scoperta in un villaggio rurale – Video

next