È morta questa notte nell’ospedale Maggiore di Novara Ludovica, la ragazza di 15 anni che ieri sera era caduta su una giostra in corsa, rimanendo gravemente ferita, in un luna park del comune di Galliate (Novara). La vittima stava trascorrendo una serata con gli amici per festeggiare il suo compleanno: dopo le giostre c’era in programma il taglio della torta.

Ludovica abitava in un paese vicino e dopo la caduta, avvenuta intorno alle 23.00, era stata ricoverata in rianimazione, ma le sue condizioni di salute erano disperate. La polizia locale sta indagando per capire quali siano le cause che hanno portato all’incidente nel luna park di piazza Vittorio Veneto, e al momento ha disposto il sequestro della giostra in questione: si tratta di un “Tagadà”, una sorta di “catino” che ruota a forte velocità e nel frattempo si inclina facendo sobbalzare chi è all’interno.

La ragazza avrebbe perso l’equilibro sulla giostra e sarebbe bruscamente caduta, con altri ragazzi, all’interno del “catino” del Tagadà. Alla vista del sangue che la vittima perdeva dal viso, gli altri ragazzi hanno chiesto di fermare la giostra. Poco più tardi sul posto sono intervenuti il 118, la polizia locale e i carabinieri, che hanno raccolto le testimonianze dei ragazzi sul Tagadà e dei proprietari della giostra per tutta la notte. Il sindacato di Galliate, Claudiano Di Caprio, ha deciso di chiudere per tutta la giornata il luna park, che ieri era al primo giorno di apertura per la festa di S. Giuseppe.

Nella foto il luna park di Galliate

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Don Maurizio Patriciello, bomba carta davanti alla sua chiesa nel giorno del compleanno

next
Articolo Successivo

Uccide i genitori a colpi di pistola per prendere i soldi e comprare casa e auto. Alla fine confessa: “Da tempo non mi piaceva lavorare”

next