Per 26 anni un prete ha usato le parole sbagliate nel sacramento del battesimo e ora migliaia di americani rischiano di dover essere ribattezzati. L’errore è stato quello di usare un plurale al posto del singolare, ovvero la formula “noi vi battezziamo nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo” invece di “io ti battezzo”: se a qualcuno potrebbe sembrare una minuzia, per la Chiesa si tratta invece di un fatto gravissimo anche perché arriva proprio nelle parole chiave del rito. A raccontare la vicenda, avvenuta a Phoenix, in Arizona, è il New York Times: per più di 26 anni padre Andres Arango ha battezzato in modo sbagliato, fin dai suoi primi battesimi amministrati. L’errore è stato scoperto solo alla metà del 2021: il sacerdote ora ha lasciato il suo incarico regolare e si sta dedicando a tempo pieno ad aiutare coloro che sono stati colpiti dal suo errore.

È stato il Vescovo della diocesi locale, Thomas J. Olmsted, ad annunciare quanto successo: “Informo i fedeli che i battesimi celebrati dal reverendo Andres Arango, sacerdote della diocesi di Phoenix, non sono validi. Questa determinazione è stata presa dopo un attento studio da parte dei funzionari diocesani e dopo aver consultato la Congregazione per la Dottrina della Fede a Roma”, ha detto. Olmsted ha quindi spiegato che il problema con l’uso del plurale “noi ti battezziamo è che non è la comunità che battezza una persona, ma è Cristo, e Lui solo, che presiede a tutti i sacramenti, e quindi è Cristo Gesù che battezza”, le sue parole.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Ritrova un cheeseburger di McDonald’s dopo 5 anni: ecco come è diventato. “Tra altri cinque anni lo controllerò ancora” – FOTO

next