Anche Roma e Milano spengono le luci dei loro monumenti. Il sindaco della Capitale Roberto Gualtieri e il suo collega Beppe Sala hanno annunciato l’adesione alla manifestazione simbolica di giovedì 10 febbraio, quando alcuni monumenti e piazze delle piccole e grandi città italiane rimarranno al buio per mezz’ora, dalle 20 alle 20.30, per chiedere al governo un intervento immediato per sostenere gli enti locali di fronte al caro energia che rischia di mettere in ginocchio, oltre a famiglie e imprese, anche la casse dei Comuni italiani.

“Anche Roma Capitale aderisce all’iniziativa promossa dall’Anci e dal Presidente Decaro contro il caro bollette. Per questo le luci del Campidoglio verranno spente, simbolicamente, domani sera alle 20.00. Si tratta di un’iniziativa che ci trova pienamente d’accordo: l’aumento delle bollette grava e mette in seria difficoltà famiglie e Istituzioni, dal piccolo al grande Comune, soprattutto in questo momento storico che ci vede già in difficoltà a causa della pandemia“, ha spiegato Gualtieri. Il sindaco del Partito democratico, ex ministro dell’Economia, ha aggiunto: “E’ un problema che va affrontato e sono certo che il governo ascolterà il grido di allarme dei cittadini e dei sindaci”.

Anche Milano si unirà alla protesta sul caro bollette: il sindaco Sala ha spiegato che si tratta di “un gesto simbolico per dare un messaggio al governo”. “Milano va molto a led – ha aggiunto – non possiamo fare molto di più se non ridurne l’utilizzo, ma questo andrebbe a scapito della qualità del servizio”. Quello del costo dell’energia è “un problema su cui c’è molto da fare e noi ci stiamo lavorando”, ha concluso Sala.

L’iniziativa di giovedì è stata lanciata dal sindaco di Cento (Ferrara), promossa dall’Anci dell’Emilia Romagna e poi anche da quella nazionale: spegnere i monumenti per accendere i riflettori sui rischi connessi all’aumento dei costi di luce e gas per i Comuni, che avranno inevitabilmente conseguenze dirette sugli stessi cittadini. L’aumento di spesa stimato dal presidente dell’Anci Antonio Decaro è di almeno 550 milioni di euro per i Comuni italiani, su una spesa complessiva annua che oscilla tra 1,6 e 1,8 miliardi di euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Produzione industriale, nel 2021 +11,8%: recuperati i livelli pre Covid (non per tessile e mezzi di trasporto). A dicembre rallentamento

next
Articolo Successivo

Bar e locali al bivio per il caro bollette. “Prezzi su? Volevamo evitarlo, ma costi aumentati del 40%”. “Per ora no, rischiamo di perdere clientela”

next