Arretra il prodotto interno lordo tedesco nel quarto trimestre dell’anno. Per la prima economia dell’area euro la contrazione è dello 0,7% rispetto ai tre mesi precedenti. Un risultato che è significativamente peggiore delle attese degli analisti che avevano stimato un calo dello 0,3%. Rispetto al quarto trimestre del 2020 (fortemente influenzato dalla pandemia) l’economia è cresciuta dell’1,4%. Il calo del Pil dell’ultima parte dell’anno è a sua volta riconducibile alle misure restrittive dovute alla nuova ondata di contagi da Covid-19 oltre che alla carenza di componenti registrata da molte fabbriche. I consumi privati hanno mostrato una contrazione, mentre è salita la spesa pubblica. L’intero 2021 si è chiuso con una crescita dell’economia del 2,8%, rivista leggermente al rialzo rispetto alle precedenti stime.

Pochi giorni fa il Fondo monetario internazionale ha rivisto al ribasso le stime sulla crescita economica europea. La previsione sul Pil 2022 della Germania è stata abbassata da + 4,6 a + 3,8% mentre quella per il 2023 abbassata da 3,4 a + 2,5%. Oggi l’indicatore Esi della Commissione europea che monitora le opinioni sull’andamento dell’economia della zona euro ha mostrato una flessione dei 1,4 punti, pur rimanendo su valori “alti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Unicredit, il 2021 si chiude in utile ma il 4° trimestre è in rosso per 1,4 miliardi. L’ad Orcel: “Ai soci mai così tanti soldi”

next
Articolo Successivo

Bosch e Marelli sono solo l’antipasto. Airaudo (Fiom): “Il governo non ha un piano per gestire la transizione dal diesel all’elettrico”

next