È arrivato il momento della requisitoria per il processo d’appello davanti alla seconda corte d’appello di Milano il processo di secondo grado Mps sul caso derivati. La procura generale di Milano ha chiesto la condanna a 6 anni e 4 mesi per l’ex presidente di Monte paschi di Siena Giuseppe Mussari, Nel processo in cui sono imputate 13 persone fisiche e tre società alla sbarra, il pg Gemma Gualdi ha chiesto la condanna a 6 anni per Antonio Vigni, ex direttore generale di Mps, e di 4 anni per Gian Luca Baldassarri, ex responsabile dell’area Finanza dell’istituto senese. Il pg ha chiesto la condanna di tutti, seppure con condanne inferiori rispetto al primo grado vista la prescrizione che si è abbattuta su diversi capi di imputazione. L’accusa ha chiesto alla corte di “tenere conto dell’intensità del dolo e della gravità dei danni prodotti”.

Per l’accusa i derivati Santorini e Alexandria, il prestito ibrido Fresh e la cartolarizzazione Chianti Classico sarebbero state costruite insieme a Nomura e Deutsche Bank per coprire le perdite registrate da Rocca Salimbeni tra il 2008 e il 2012 a seguito dell’acquisto di Antonveneta, costata circa 10 miliardi di euro nel 2008. In primo grado, l’8 novembre 2019, il Tribunale di Milano aveva condannato 13 ex manager di Banca Mps, Deutsche e Nomura, fra i quali l’ex presidente e l’ex direttore generale di Mps Giuseppe Mussari e Antonio Vigni, rispettivamente a 7 anni e mezzo e 7 anni e 3 mesi.

I reati ipotizzati sono, a vario titolo, manipolazione del mercato, falso in bilancio, falso in prospetto e ostacolo all’autorità di vigilanza. Alcuni reati potrebbero essere a rischio prescrizione. Oltre agli ex banchieri dei tre istituti sono imputate anche Nomura e Deutsche Bank per la legge 231/2001 sulla responsabilità amministrativa degli enti. Mps, invece, non sarà sul banco degli imputati, perché è uscita dal processo con un patteggiamento nel 2016. L’udienza del 31 gennaio sarà dedicata agli interventi delle parti civili, che proseguiranno anche il 3 febbraio. Sono oltre 1.400 le parti civili rappresentate da 94 legali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Banche popolari, a sette anni dalla riforma la crisi non è finita. Pulizie per migliorare i bilanci aspettando le nuove aggregazioni

next
Articolo Successivo

Stellantis restituisce in anticipo il prestito con la garanzia Sace. Addio agli impegni sugli stabilimenti e il personale in Italia

next