“Non può essere simbolo dell’unità nazionale chi con l’ultimo Dpcm ha spaccato in due il Paese, varando norme che per il loro potenziale discriminatorio hanno preoccupato addirittura Amnesty International che richiama il governo italiano a chiudere la stagione delle evidenti discriminazioni. Draghi non può salire al Quirinale dopo aver tolto a decine di milioni di italiani, non solo non vaccinati ma anche con due dosi di vaccino e green pass scaduto, persino il diritto di rinnovare il passaporto. Roba che accade a Cuba, che accadeva presso un segmento della popolazione nel Sud Africa antecedente alla liberazione di Nelson Mandela. Sono norme da apartheid e chi le vara non rappresenta e non può più rappresentare l’unità nazionale”, così Mario Adinolfi, presidente nazionale del Popolo della Famiglia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Quirinale, Salvini: “Stiamo lavorando per una soluzione positiva e rapida. I numeri dicono che per la prima volta dopo 30 anni tocca a noi”

next
Articolo Successivo

Quirinale, Gasparri in vista del vertice del centrodestra: “Oggi capiremo se Silvio Berlusconi vuole andare avanti”

next