L’inflazione statunitense è salita in dicembre al 7%, il valore più alto da 40 anni. Rispetto a novembre i prezzi sono cresciuti dello 0,5%, più delle attese degli analisti (0,4%). In novembre l’inflazione si era attestata al 6,8%. Escludendo le componenti più volatili come cibo ed energia, i prezzi sono saliti aumentati di uno 0,6% superiore alle previsioni rispetto al mese precedente e del 5,5% rispetto al dicembre 20200. A spingere maggiormente i prezzi sono state le auto di seconda mano e degli affitti. Ieri il governatore della Federal Reserve Jerome Powell ha affermato che la banca centrale considera l’inflazione una “severa minaccia” per l’economia e che quindi potrebbe velocizzare il suo cammino di riduzione dei sostegni monetari all’economia. I mercati si attendono un primo rialzo dei tassi a marzo. Ipotesi rafforzata dai buoni dati sulla disoccupazione scesa sotto al 4%.

I forti rialzi dei prezzi stanno azzerando i vantaggi degli aumenti salariali registrato in molti settori. In dicembre gli stipendi reali (ossia tenendo conto dell’inflazione) sono diminuiti del 2,4% rispetto all’anno prima. “Stiamo facendo progressi nel rallentare la velocità di aumento dei prezzi. Ma abbiamo ancora lavoro da fare” perché l’inflazione è ancora troppo alta e fa pressione sui budget delle famiglie. È quanto afferma il presidente Usa Joe Biden a commento dei dati. “L’inflazione non è un fenomeno universale, ma è un problema in alcuni paesi come gli Stati Uniti”, ha affermato oggi il direttore generale del Fondo monetario internazionale, Kristalina Georgieva.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Disuguaglianze, senza redistribuzione della ricchezza si perde fiducia nel futuro

next
Articolo Successivo

I primi 2 mesi e mezzo di Ita, ricavi del 50% al di sotto delle previsioni. Possibile un’alleanza prima dell’estate

next