“I Vax uccidono”, “Il governo mente e lo sa”, “Vivi perché liberi”, “Governo nazista”, “Morti da vaz”. Sono alcune delle scritte apparse sul perimetro esterno del cimitero di Nembro, in provincia di Bergamo, nella notte tra 6 e 7 gennaio. A stigmatizzare gli atti vandalici è il sindaco Claudio Cancelli con un post su Facebook: “Con tristezza devo informarvi che questa notte i No vax estremisti hanno imbrattato con scritte deliranti il muro del nostro cimitero. Quelle scritte sono segni di oltraggio verso i nostri morti e verso Nembro. Questi vandali dimostrano così la qualità dei loro argomenti ossia scarabocchi rancorosi sul lenzuolo che protegge i resti dei nostri cari”.

La Digos della questura di Bergamo ha aperto un’indagine sul fatto che ha riguardato uno dei comuni della zona, insieme ad Alzano Lombardo, che sono stati maggiormente colpiti dalla pandemia durante la prima ondata, nel marzo e aprile del 2020.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, il fisico Sestili: “A questo ritmo 400mila casi al giorno tra una settimana. Ma non faremo abbastanza tamponi per trovarli”

next
Articolo Successivo

Covid, i dati: oltre 197mila nuovi casi in 24 ore con 1,2 milioni di tamponi. Altri 184 morti e 58 pazienti in più in terapia intensiva

next