File interminabili di macchine e attese di ore. Spesso anche ripetute per due giorni di fila. Nei centri tampone dell’Asst Santi Paolo e Carlo di Milano è caos tamponi. Ormai da giorni i sanitari lavorano senza sosta, ma nelle ultime ore hanno dovuto anche annunciare la fine dei tamponi rapidi, rispendendo a casa decine di persone in coda. Ad allungare le file anche i molti cittadini che si presentano senza prenotazione, complice anche la mancanza di test prenotabili privatamente “che non si trovano”, come spiegano alcune persone in attesa. “Tra ieri e oggi ho fatto 18 ore di fila. Siccome il medico ha prescritto un rapido e loro li fanno solo la mattina, ora devo tornare indietro. Sono passati chiedendo chi avesse la prescrizione ma non hanno specificato del rapido”, spiega un altro automobilista incolonnato. Intanto per agevolare le continue richieste, da lunedì scorso l’ospedale San Carlo effettua test molecolari fino alle 21.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pronto Soccorso, 85% di accessi gravi è dei non vaccinati. Hanno un’età compresa tra 35 e 60 anni. Il capo del 118: “Non abbassare guardia”

next