Durante una battuta di caccia nei pressi del Parco nazionale del Circeo, in provincia di Latina, un 30enne ha colpito per sbaglio il segugio di un altro cacciatore, 60enne, che era con lui. Lo ha scambiato per un cinghiale. Purtroppo per il cane non c’è stato nulla da fare ed è morto sul colpo. Il padrone, per vendetta, ha quindi sparato con il fucile al collega, colpendolo con i pallini a una gamba. Il 30enne è stato quindi trasportato d’urgenza in ospedale dal personale sanitario del 118, dove è stato ricoverato per essere operato. Le sue condizioni non dovrebbero essere gravi. L’uomo che ha sparato è stato arrestato dai carabinieri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Omicron, caos tamponi in Lombardia. Portale prenotazioni in tilt, test esauriti. Stop al tracciamento, sospeso quello dei focolai a scuola

next
Articolo Successivo

Covid, i dati: nuovo record di contagi, sono 50.599. Tasso di positività al 5,4%, +15 ricoveri in terapia intensiva con 102 nuovi ingressi

next