La dinamica dell’incidente è ancora da chiarire. Un operaio di 53 anni Dante Berto, residente a Zinasco, nel Pavese è morto nel pomeriggio in un infortunio sul lavoro a Torre d’Isola, sempre in provincia di Pavia. Secondo la ricostruzione dei carabinieri di Pavia, sarebbe stato colpito da una lastra dì cemento manovrata da una gru, probabilmente a causa dì un tirante che si è sganciato. La vittima, spiegano i militari, lavorava per una ditta del Comune in un cantiere per la manutenzione e il rifacimento del manto stradale.

Per cause ancora da accertare, una lastra di cemento si è staccata da un tirante collegato ad una gru e lo ha travolto, sbalzandolo in un terrapieno, sul lato della via. L’allarme è scattato subito. Nel giro di pochi minuti sono giunti sul posto gli operatori del 118, i carabinieri, personale dell’ispettorato del lavoro e vigili del fuoco. L’operaio, che aveva riportato un fortissimo trauma toracico, è stato trasportato in ambulanza al pronto soccorso del Policlinico San Matteo di Pavia. Ma poco dopo l’arrivo in ospedale, l’uomo è morto: troppo gravi le ferite riportate nell’incidente. È stata aperta un’indagine per stabilire le cause dell’ennesimo incidente costato la vita a un operaio. È probabile che venga disposta l’autopsia sulla vittima.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Manovra, Landini attacca Bonomi: “In vita sua non ha mai scioperato, non si è mai dovuto battere per migliorare le condizioni di lavoro”

next
Articolo Successivo

Ancona, procedura di licenziamento collettivo alla Caterpillar di Jesi: colpirà 270 lavoratori. “Doccia fredda, nessun preavviso”

next