“Continueremo a combattere. Ogni generazione ha una battaglia epica da combattere e questa è la nostra”. È l’appello di Stella Morris, compagna di Julian Assange, dopo la decisione dell’Alta Corte di Londra che ha ribaltato la sentenza di primo grado – emessa lo scorso gennaio – che negava l’estradizione del fondatore di Wikileaks dalla Gran Bretagna agli Usa. Julian Assange può essere spedito negli Usa per rispondere della divulgazione dei file top secret che contenevano le prove dei crimini di guerra da parte degli Usa in Afghanistan e Iraq. “Come possono questi tribunali approvare una richiesta di estradizione in queste condizioni? Come possono accettare un’estradizione nel paese che ha complottato per uccidere Julian, che ha complottato per uccidere un editore a causa di ciò che ha pubblicato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nagorno Karabakh: trent’anni fa il popolo disse Sì all’indipendenza ma aspetta ancora la libertà

next
Articolo Successivo

Assange, Stefania Maurizi al Fatto.it: “Nessuno come Wikileaks sotto inchiesta per 11 anni. Intimidazione non diversa dai regimi autoritari”

next