Ladro abituale, dedito ai furti sulle autovetture, è stato pizzicato dagli agenti della polizia di stato che lo stavano tendendo d’occhio. Nella tarda mattinata di giovedì i poliziotti, in transito su corso Tazzoli, hanno notato il girovagare sospetto di un individuo all’interno di un parcheggio. Dopo alcuni istanti l’uomo, un cittadino italiano di 49 anni, si è fermato nei pressi di un’auto in sosta e, dopo essersi guardato attorno, ne ha infranto il deflettore con un rompivetro. Il suono dell’antifurto ha però messo in fuga il quarantanovenne, che si è allontanato a bordo di una bicicletta.

Il personale del commissariato Mirafiori ha fermato la sua corsa pochi metri dopo, sottoponendolo a un controllo. Nel corso degli accertamenti il rompivetro utilizzato è stato ritrovato, avvolto in una mascherina chirurgica, sotto un veicolo in sosta.

In seguito è stata perquisita la sua abitazione, rinvenendo nella cantina alcuni oggetti rubati tra cui un’agenda, al cui interno era custodito il certificato d’assicurazione di un mezzo intestato a un’altra persona, vittima del “topo d’auto”. A seguito di ulteriori verifiche, l’uomo è stato riconosciuto quale autore di un furto dello scorso mese di giugno in corso Unione Sovietica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Val di Susa, fuochi d’artificio e lancio di pietre al cantiere di San Didero. Manifestanti No Tav respinti con idranti e lacrimogeni

next