“L’ha definito un costume di scena. Ho segnalato al medico e poi abbiamo fatto una relazione per comunicarla ai superiori”. Lo ha raccontato ai cronisti Filippa Bua, l’infermiera che ha notato l’uomo che ha provato a ottenere il green pass presentandosi con un braccio in silicone al centro vaccinale di Biella. “È arrivato in tarda mattinata. Era una giornata intensa dal punto di vista emotivo, ma non dal punto di vista del flusso di persone. Non credo che a qualche mio collega potesse sfuggire, siamo dei professionisti”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, il Centro Ue per le malattie infettive: “Previsto anche in Italia un aumento di casi, ricoveri e morti nelle prossime due settimane”

next
Articolo Successivo

Covid, Locatelli: “Quarta dose? È una possibilità concreta. Più di 1,3 milioni di over 60 non sono ancora vaccinati”

next