Il 1° dicembre, in occasione della Giornata Mondiale contro l’Aids, su discovery+ arriva Stigma invisibile, lo speciale con le testimonianze di protagonisti che, ogni giorno, convivono con il virus e con lo stigma che è ancora molto presente e, spesso, è più difficile da gestire rispetto al virus stesso.

Oggi le terapie garantiscono una qualità e un’aspettativa di vita sia alle persone Hiv+ sia a quelle con Aids, paragonabile a chi non ha il virus. Di questo però ancora non si parla. Hiv e Aids portano il fardello della malattia e del giudizio, del peccato, della colpa. Nel 1981 la scienza aveva pochi strumenti per evitare il dilagare del virus e dello stigma ad esso legato. Nel 2021 le terapie e l’accesso alle stesse sono alla portata di tutti (almeno nel Primo Mondo), ma il giudizio verso chi è positivo è più radicato che mai. In 40 anni si è imparato a gestire un virus e ad annientarlo (come si racconta nello speciale), ma per smantellare lo stigma serve ben più di una pastiglia.

Quanto può essere difficile rivelare di avere l’HIV? Come gestire l’amore e il desiderio di una famiglia dopo una diagnosi da Hiv? Una madre Hiv positiva può dare alla luce un figlio negativo? Di questi e tanti altri temi ne parlano persone vere, in maniera diretta, nuova, emozionante senza filtri e soprattutto senza autocommiserazione. Stigma Invisibile racconta i 40 anni dell’Hiv in un percorso intenso e corale, che accompagna lo spettatore verso una nuova visione del virus e ricorda che la corretta informazione è – da sempre – l’arma più potente a disposizione..

Stigma invisibile, ideato e scritto da Michela Chimenti, realizzato dalla casa di produzione Story Farm con la regia di Alessandro Carlozzo e Luca Cepparo, sarà disponibile in esclusiva solo su discovery+ dal 1° dicembre. Lo speciale, dedicato al 40esimo anniversario della lotta all’Aids, è l’anticipazione della docu-serie che uscirà nel 2022.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Perugia, pm ritira la richiesta di archiviazione per il caso del velo imposto. La donna si è opposta

next
Articolo Successivo

Greta Beccaglia, Giulia Talia e l’inclusività: dalle reazioni capisco che le cose stanno cambiando

next