“Le sfide della ineleggibilità, del numero dei mandati, degli abusi, della legge Severino le affronteremo e daremo una soluzione”. Sono le parole che il segretario del Pd, Enrico Letta, ha detto ai primi cittadini dem durante l’assemblea nazionale dei sindaci riformisti e progressisti, a Roma. “Dovremo dare una soluzione – ha aggiunto – in una logica, com’è quella tipica del nostro partito, di convincere e di applicarle attraverso le regole del consenso”.

Letta ha voluto quindi rassicurare i sindaci, in particolare sulla legge Severino del 2012. Due gli articoli della legge che il Pd vorrebbe eliminare e che oggi obbligano a sospendere dalla carica sindaci, governatori, assessori che abbiano subito una condanna in primo grado, a differenza di quanto accade per membri del governo e parlamentari, sospesi solo dopo una condanna in via definitiva. Dalla proposta del Pd, farebbero eccezione solo i reati gravi, come corruzione e concussione e reati legati alla mafia e alla criminalità. A sollevare la questione anche un recentissimo caso, quello di Giuseppe Falcomatà, sindaco di Reggio Calabria condannato per abuso d’ufficio a un anno e quattro mesi e quindi ora sospeso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nomine Rai, scintille in Vigilanza durante l’audizione dei vertici. M5s: “Lottizzazione delegata al governo, si poteva fare di più”

next
Articolo Successivo

Stato d’emergenza, Draghi: “A noi interessa la struttura sanitaria, bisogna chiedersi se è possibile mantenerla senza proroga”

next