Prima ha ucciso la moglie, poi ha cercato di togliersi la vita. È quanto successo questa mattina a Montese, sull’Appennino modenese. Protagonista di quanto accaduto un uomo pensionato, secondo le prime ricostruzioni. Sul posto i carabinieri che stanno cercando di chiarire la dinamica del femminicidio.

Si tratta del terzo delitto nel Modenese nell’arco di tre giorni, dopo la strage familiare avvenuta ieri a Sassuolo e il caso di Carlo Evangelisti, il 48enne che martedì ha ucciso la madre, Milena Calanchi, a Modena.

È un altro caso che si aggiunge a quelli già conteggiati dal Viminale, i cui dati arrivano al 14 novembre: 103 da inizio anno, uno ogni tre giorni. Dal 1 gennaio delle 103 vittime donne 87 sono state uccise in ambito familiare, di queste 60 hanno per mano del partner/ex partner. Analizzando gli omicidi in generale si è registrato un lieve decremento nel 2021 (-2%) visto che sono passati da 265 a 252: si registra un lieve aumento delle vittime donne, passate da 100 a 103 (+3%).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sassuolo, 38enne stermina la famiglia e poi si uccide: accoltellate convivente, suocera e due figli. “Minacciava la compagna di morte”

next