Non accettava che si fosse vaccinata contro il Covid-19 e che volesse fare lo stesso con il loro figlio. Così l’ha insultata e ha minacciato di dare fuoco all’appartamento in cui vivevano. È successo l’8 novembre a Torino, nel quartiere Mirafiori, dove un padre di famiglia dichiaratamente No Vax è stato denunciato per maltrattamenti nei confronti della moglie.

Chiamata dai vicini che avevano sentito le urla, una pattuglia della polizia locale si è presentata nell’abitazione mentre la lite era ancora in corso. È a quel punto che la donna ha raccontato agli agenti delle continue discussioni con il coniuge a causa dell’avversione di quest’ultimo alla somministrazione del vaccino contro il Covid. Stando alla ricostruzione, già da qualche tempo l’uomo criticava pesantemente la moglie in quanto immunizzata e qualche giorno prima aveva cercato perfino cercato di convincerla a licenziarsi sostenendo che lui avrebbe fatto lo stesso perché solo in quel modo i due avrebbero potuto cambiare vita. Quando lei, dopo l’ennesimo scontro sull’argomento, gli ha comunicato che voleva vaccinare anche il loro bambino e ha provato a farlo andare via l’uomo ha prima inveito, poi ha minacciato di chiuderla in casa e persino di spaccare tutto e appiccare un’incendio. Le forze dell’ordine lo hanno prelevato e denunciato per maltrattamenti: per lui è stato anche disposto l’allontanamento d’urgenza dall’abitazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, la Francia sconsiglia il vaccino Moderna sotto i 30 anni. “Leggero aumento del rischio miocardite e pericardite”

next
Articolo Successivo

Lodi, bambina di tre anni muore sotto gli occhi dei genitori: non aveva malattie. La Procura apre un’inchiesta

next