Due narcotrafficanti sono morti giovedì in Messico, vicino a Cancun, in una sparatoria tra bande armate. Il procuratore generale dello stato di Quintana Roo ha comunicato che lo scontro è avvenuto nel luogo noto come l’oasi di tranquillità del Messico, Puerto Morelos, una zona turistica di spiagge e resort a cinque stelle. Proprio vicino a uno di questi hotel, l’Azul Beach Resort, un gruppo di persone è sbarcato a terra e ha aperto il fuoco contro due persone, identificate dagli agenti del posto come appartenenti a una banda rivale. Un video di uno degli ospiti ha ripreso i momenti di terrore tra i turisti, e un impiegato dell’hotel ha confermato all’Associated Press che lo scontro a fuoco è avvenuto vicino all’hotel.

Tra i turisti nessuna vittima, ma i momenti di terrore sono testimoniati da altri video di ospiti di un resort vicino l’Azul, lo Hyatt Ziva, dove si possono vedere i turisti che cercano di mettersi in salvo. Solamente due settimane fa un travel blogger della California e un turista tedesco erano morti in uno scontro tra bande rivali a poco più di 100 chilometri di distanza, nella città di Tulum e a ottobre la polizia aveva arrestato 26 persone nella via del turismo di Playa del Carmen, la Quinta Avenida, dopo che una poliziotta era stata uccisa da un colpo di pistola.

La sparatoria di giovedì si è conclusa con la morte di due spacciatori, mentre gli aggressori sono riusciti a fuggire.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nuova Delhi si sveglia avvolta dallo smog: l’aria irrespirabile dovuta (anche) ai fuochi d’artificio per la festa di Diwali – Video

next
Articolo Successivo

Cresce ancora la tensione tra Cina e Taiwan: sanzioni di Pechino contro il premier dell’isola e altri membri del governo

next