Via libera del ministero della Salute al richiamo del vaccino anti-Covid con Spikevax di Moderna, dopo il parere di ieri della Commissione tecnico scientifica (Cts) dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa). L’ok è contenuto in una circolare, firmata dal direttore generale della Prevenzione sanitaria del ministero della Salute, Giovanni Rezza, nella quale si legge che “è possibile utilizzare anche il vaccino (Moderna) come richiamo di un ciclo vaccinale primario“. Indipendentemente dal vaccino utilizzato nel ciclo precedente.

E si precisa che “la dose ‘booster’ del vaccino Spikevax è di 50 mcg in 0,25 ml, corrispondente a metà dose rispetto a quella utilizzata per il ciclo primario”. Inoltre, si evidenzia “può essere utilizzata dopo almeno 6 mesi dal completamento del ciclo vaccinale primario, indipendentemente dal vaccino precedentemente utilizzato, a favore dei soggetti” per i quali la terza dose è al momento autorizzata. La dose booster del vaccino Spikevax sarà inoltre inserita nell’elenco di cui alla Legge 648/96 per consentirne l’uso eterologo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

No Green pass, minacciarono un cronista di Mediaset a Milano: due denunciati per violenza privata e interruzione di pubblico servizio

next
Articolo Successivo

Coronavirus, i dati: 5.335 casi e 33 morti nelle ultime 24 ore. Positività all’1,1%

next