Sit-in dei risparmiatori della Banca popolare di Bari, che ieri, martedì 26 ottobre, hanno organizzato una protesta davanti all’Istituto tecnico Cuccovillo in occasione della visita del presidente del Consiglio, Mario Draghi. Il gruppo era formato da una rappresentanza delle migliaia di risparmiatori che negli anni scorsi avevano acquistato, su proposta della banca, azioni divenute carta straccia dopo il crac della popolare. “Erano i risparmi dei nostri padri, volevamo proteggerli per lasciarli ai nostri figli. Oggi non abbiamo più niente. La politica intervenga prima della magistratura. Siamo qui per dire al presidente Draghi che esistiamo”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gran Bretagna, presentata la legge di bilancio 2022: stipendi più alti e investimenti pubblici per dimenticare la Brexit

next
Articolo Successivo

Unicredit presenta i conti del trimestre. L’a.d. Orcel: “Passi avanti fenomenali”. Chiusura (quasi) totale su Mps

next