Sono 2.668 i nuovi casi di positività al coronavirus individuati in Italia giovedì 14 ottobre, frutto di 324.614 tamponi molecolari e antigenici processati nelle ultime 24 ore: il tasso di positività si assesta così allo 0,82%, in calo rispetto all’1% di ieri. Sono invece 40 i morti in un giorno, secondo i dati del ministero della Salute. I pazienti ricoverati in terapia intensiva per il Covid scendono a 359, 8 in meno rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 22 (mercoledì erano 19). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 2.479, rispetto a ieri sono 73 in meno.

Dal confronto con la scorsa settimana si conferma la flessione, leggera ma costante, del numero dei contagi, che giovedì 7 ottobre furono 270 in più. La diminuzione del numero dei ricoverati si mantiene invece costante nel trend settimanale: -172 da lunedì ad oggi, contro il -167 che si registrava 7 giorni fa. Situazione simile anche nelle terapie intensive, dove si registrano questa settimana una media di 20 ingressi al giorno, contro 22 della settimana scorsa. I decessi variano di poco: 160 contro 167.

Gli attualmente positivi al Covid in Italia sono 79.368, con un calo di 1.083 nelle ultime 24 ore. Dall’inizio della pandemia i casi sono 4.709.753, i morti 131.461. I dimessi e i guariti sono invece 4.498.924, con un incremento di 3.709 rispetto a ieri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Green pass, in un giorno scaricati 563.186 certificati: la maggior parte dopo tampone

next
Articolo Successivo

La scuola alternativa per le famiglie no-green pass: l’iniziativa in un paesino del Trevigiano

next