di Giorgio Ceriani

Che sia chiaro: il vero problema per lorsignori (quello decisivo, macroscopico, campale) non è tanto santificare Draghi. Il loro problema è silenziare Conte!

E quand’anche (e ne siamo certi) la prima cosa (ossia la santificazione di Draghi) procuri a costoro un istintivo quanto irrefrenabile piacere, bisogna ribadire che essa rileva in funzione della seconda (ossia il silenziamento di Conte), di cui è variabile dipendente, sia quanto a tempistiche che quanto ad intensità, modalità e spregiudicatezze varie.

Può apparire un’osservazione banale e pure ininfluente, visto che – come ci hanno insegnato – cambiando l’ordine dei fattori il risultato non cambia. Il punto è che qui cambia: eccome se cambia! Anzi, insisto a dire che se non capiamo bene questa cosa, se non la sviluppiamo in tutte le sue diramazioni e non agiamo di conseguenza, non ne usciamo.

Capisco, infatti, il livore, l’indignazione, la rabbia dei tanti “alternativi”, “ribelli”, “critici-critici” che vedono in Draghi il male assoluto, il grande restauratore. Io stesso lo vedo e lo denuncio: anzi, lo denunciavo già prima, quando appunto sostenevo fermamente e quotidianamente Conte e il suo governo da tutti gli attacchi e demonizzazioni varie. E questo anche quando i (soliti) critici-critici magari erano già lì a discettare sull’alleanza col Pd, sulla presenza di quel renzino lì, sulla nomina di quel colletto bianco là. Non capendo che quel governo, quella esperienza politica andava comunque sostenuta in tutti i modi e in tutti i suoi limiti, perché appunto, l’alternativa era Draghi: non certo il socialismo o chissà quale altra rivoluzione dal basso.

Il punto era, ed è tuttora, quello di bypassare l’elemento personalistico o nominalistico della questione (Draghi, Conte, Renzi…) e riportarla alla sua essenza materiale di rapporto di forza. Ebbene, da questo specifico punto di vista, lorsignori hanno bisogno di una sola ma chiarissima cosa: neutralizzare i 5stelle e Conte. E neutralizzarli già in questa legislatura, per azzopparli e annullarli in vista delle prossime elezioni del 2023. Questa è la missione, lo scopo, l’escatologia presente nella fenomenologia draghiana. Questo è il punto decisivo e tutta l’operazione Draghi vale per questo unico e fondamentale motivo.

Purtroppo, gran parte dei “critici” e degli opinionisti “critici”, e tanto più quelli che si ergono con maggior vigore e baldanza contro Draghi (e i suoi “complici”), non vedono questo lato della medaglia, ossia che la santificazione di Draghi serve unicamente a veicolare la dannazione di Conte, sia in quanto persona sia in quanto proposta politica per il futuro, sia in quanto ricordo di un’entusiasmante esperienza politica passata che però, stando a sondaggi, partecipazione popolare e energie diffuse, è ancora perfettamente competitiva e capace di ambire a indirizzare ancora la scena politica.

Per questo, il loro opposto demonizzare Draghi senza valorizzare Conte, senza ribadire con forza il suo essere l’unica e vera alternativa al draghismo – beninteso: la sua alternativa non astratta, ipotetica, retorica, demagogica ma reale, fattiva e forte (forte perché radicale e forte perché sostenuta da consenso e masse) – non serve a nulla. Anzi, paradossalmente serve solo a demoralizzare ulteriormente Conte e i 5stelle nel loro difficile posizionamento mediano di vigilanza critica dentro questo governo, di resistenza attiva dentro questo governo, per difendere il difendibile e non permettere che tutto il malloppo finisca nelle tasche e nelle redazioni (giornalistiche) dei soliti noti.

Criticare Draghi senza rilanciare la linea di Conte e il progetto contiano “è giardinaggio”, direbbe qualcuno. E io lo ripeto e lo ribadisco volentieri: “Criticare Draghi, senza sostenere Conte, è giardinaggio!”. Sì, è giardinaggio, se non peggio: complicità con gli alti profili nel processo di sabotaggio, silenziamento e neutralizzazione di Conte, il loro unico spettro.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’offerta Sostenitore e diventando così parte attiva della nostra community. Tra i post inviati, Peter Gomez e la redazione selezioneranno e pubblicheranno quelli più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Diventare Sostenitore significa anche metterci la faccia, la firma o l’impegno: aderisci alle nostre campagne, pensate perché tu abbia un ruolo attivo! Se vuoi partecipare, al prezzo di “un cappuccino alla settimana” potrai anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione del giovedì – mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee – e accedere al Forum riservato dove discutere e interagire con la redazione. Scopri tutti i vantaggi!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Forza Nuova, il 20 ottobre in Aula alla Camera la mozione per scioglierla. FdI ne annuncia una alternativa “contro tutti i sovversivi”

next
Articolo Successivo

G20 straordinario sull’Afghanistan, la conferenza stampa di Mario Draghi: segui la diretta

next