Un carabiniere di 52 anni è morto dopo aver contratto il coronavirus e un suo collega è in gravi condizioni. Entrambi avevano rifiutato di farsi vaccinare. La vittima 52 anni – che viveva Collepasso, ma era in servizio a Gallipoli – è stato ricoverato per due settimane all’ospedale Dea di Lecce, ma le sue condizioni sono peggiorate rapidamente.

Grave anche il compagno di pattuglia, originario di Matino e anche lui no vax. Il contagio – si ipotizza – è avvenuto durante il servizio e ha coinvolto anche un terzo collega. Quest’ultimo per il momento è asintomatico ed è in isolamento nella sua abitazione di Casarano.

“L’episodio è e resta triste e amaro, ci lascia attoniti e addolorati nella constatazione che un collega non c’è più ed altri ancora lottano per guarire – si legge in una nota diffusa da Unarma Puglia, l’associazione sindacale dei carabinieri – ma al contempo deve esserci da chiaro monito e farci riflettere: il virus c’è ancora e miete silenziosamente vittime e le miete servendosi proprio di noi”.

L’invito è quindi per ogni militare in servizio “alla responsabilità delle proprie scelte e delle proprie azioni, ponendo al centro della disputa sempre la sicurezza, propria e degli altri – compresi i nostri familiari – dentro e fuori dal servizio, quale ineludibile cardine per la lotta al virus e il corretto e sicuro espletamento dei delicati compiti cui siamo chiamati ad assolvere”.

Il Covid-19 – secondo il sindacato – è infatti “un nemico invisibile, subdolo e mortale che – conclude la nota – non si può pensare di combattere a mani nude e senza armi e protezioni, soprattutto da chi è chiamato, ogni giorno, in prima persona – come le forze dell’ordine – sui campi di battaglia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Vi prego, non mentite sugli esami all’università. Non trasformate una bugia in tragedia

next