Il consiglio dei ministri ha dato il via libera al decreto legge che proroga di un mese i termini in scadenza per i referendum, l’assegno unico e l’Irap. La norma salva la raccolta firme per la consultazione sulla cannabis, che rischiava di saltare per via dei ritardi burocratici dei Comuni sulle certificazioni dei nominativi. La Lega non ha partecipato al voto: i ministri del Carroccio hanno espresso dissenso sulla scelta di prorogare i termini. Eppure la proroga si applicherebbe anche al referendum contro il Green pass.

“Il governo ha approvato la proroga”, festeggia su Twitter Marco Cappato, uno dei promotori del referendum sulla cannabis. Poi sottolinea l’astensione della Lega: “Preferivano il sabotaggio“. La battaglia però non è ancora finita: “È importante la pubblicazione immediata in Gazzetta ufficiale, perché alle 13 domani (giovedì, ndr) ci sarebbe la scadenza in Cassazione”, rimarca Cappato, rivolgendosi a Palazzo Chigi.

Martedì sera i promotori del referendum hanno organizzato un presidio davanti a Montecitorio per chiedere la proroga, resasi necessaria per via dei ritardi dei Comuni che non hanno rispettato i tempi previsti per far arrivare le firme certificate. Inadempienze che hanno reso impossibile la presentazione dei nominativi entro la scadenza del 30 settembre, ultimo giorno per la consegna delle sottoscrizioni in Corte di Cassazione. Anche grazie alla possibilità della sottoscrizione online, infatti, la raccolta si è conclusa in tempi record e i promotori spiegano di aver fatto pervenire i nominativi ai Comuni già lo scorso 22 settembre. Poi lo stesso Comitato ha dovuto diffidare 1.400 amministrazione locali “perché rispondessero nelle 48 ore previste dalla legge”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PERCHÉ NO

di Marco Travaglio e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Referendum Cannabis, Cappato: “Proroga? Passo importante, ma sciopero della fame prosegue fino all’approvazione del decreto”

next
Articolo Successivo

Messico, tensione alla protesta per il diritto all’aborto: alcune attiviste provano a sfondare il cordone di polizia attorno al Palazzo Nazionale

next