Non potrà più farsi chiamare generale perché l’Arma dei Carabinieri ha deciso di togliere i gradi ad Antonio Pappalardo che, in congedo dal 2006, negli ultimi anni si è ritagliato un ruolo da protagonista nella galassia complottista, fino a fondare il movimento politico dei gilet arancioni che si sono contraddistinti nei mesi di pandemia per la loro avversione alle disposizioni governative e alle restrizioni anti-Covid.

Secondo quanto si apprende, all’ormai ex generale è stato notificato un provvedimento del ministero della Difesa di perdita del grado per rimozione, per motivi disciplinari. Le sue condotte sono state ritenute lesive del prestigio delle forze armate e del giuramento prestato. E per questo la sua attività politica è stata ritenuta non più compatibile con i gradi da carabiniere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Intrappolata in auto nel sottopassaggio allagato: così i carabinieri di Bologna salvano una donna – Video

next
Articolo Successivo

Covid, i dati: 1772 casi e 45 morti in 24 ore. Tasso di positività all’1,4 per cento

next