Ad Antonio Pappalardo, leader dei gilet arancioni e ora portabandiera delle istanze no green pass, sono stati revocati i gradi di generale. Lui contesta la regolarità del provvedimento e se la prende con il ministero della Difesa e i vertici dell’Arma, definendoli “cialtroni”.

Dopo le premesse di rito, con tono perentorio avverte: “Non mi chiamate per cortesia generale, perché mi mettete in difficoltà. Mi dovete chiamare onorevole, perché sono stato sottosegretario di stato o deputato della Repubblica, chiamatemi eventualmente maestro perché sono un compositore musicale, sono un maestro molto apprezzato. Un fatto è certo, o Antonio Pappalardo o dottore o onorevole, io il 20 ottobre li vado ad arrestare”. E poi insiste: “Questi cialtroni hanno le microspie, hanno le registrazioni e cercano di mettermi in difficoltà. Non mi rompete più le scatole”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, due operai morti dentro un deposito di azoto dell’ospedale Humanitas. “Investiti durante il riempimento di un serbatoio”

next
Articolo Successivo

Nichelino, proprietario di un’officina precipita da una scala e muore. Aperta un’indagine: non si esclude l’ipotesi del malore

next