È morto a 86 anni Abimael Guzmán, fondatore ed ex guida del gruppo terroristico peruviano Sendero Luminoso. Attualmente l’uomo stava scostando l’ergastolo per terrorismo presso la base navale di Callao – nel carcere di massima sicurezza alla periferia di Lima -, ma nelle ultime settimane era stato sottoposto a delle cure per i suoi problemi di salute. A dare la notizia è stato un portavoce della Marina.

Guzmán è stato per diversi anni l’uomo più ricercato dl Perù. Ha guidato il gruppo di guerriglia, di ispirazione maoista, dagli anni ’60 e, secondo la Commissione per la verità e la riconciliazione, è stato responsabile dell’uccisione di più di 69mila persone. È stato arrestato nel 1992, prima di poter realizzare la sanguinosa rivoluzione contadina, da lui a lungo auspicata, e da allora era in carcere. Le condanne vere e proprie sono arrivate solo nel 2006 e nel 2018. Anche se da luglio la sua salute stava peggiorando si è rifiutato di farsi trasferire in un centro sanitario e avrebbe anche rifiutato il cibo per alcuni giorni. La morte è avvenuta “per complicazioni”, hanno fatto sapere le autorità carcerarie. La Marina ha informato la moglie Elena Yparragurre – ha detto l’avvocato Alfredo Crespo – senza specificare l’ora del decesso. Di recente, Sendero Luminoso aveva proposto il perdono e la liberazione di Guzmán e di altri leader ex leader, ma l’idea non è stata raccolta con entusiasmo dall’opinione pubblica o dalla politica.

“Il leader terrorista Abimael Guzmán responsabile della perdita di innumerevoli vite dei nostri compatrioti, è morto. – ha scritto su Twitter il presidente del Perù, Pedro Castillo – La nostra posizione di condanna del terrorismo è ferma e incrollabile. Solo in democrazia costruiremo un Perù di giustizia e sviluppo per il nostro popolo”. Il capo dello Stato si è espresso in questi termini dopo che nelle scorse settimane l’opposizione di destra peruviana ha ripetutamente attaccato ministri e personalità del suo partito Perú Libre insinuando loro complicità passate con Sendero Luminoso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Papa Francesco incontra Orban a Budapest: colloquio di 40 minuti. Bergoglio: “Va spenta la minaccia dell’antisemitismo in Europa”

next
Articolo Successivo

Covid, Londra ci ripensa: no al Green pass. “Superata la soglia dell’80% di vaccinati”. In Scozia invece si parte dal 1 ottobre

next