Nel corso dell’intervista di Peter Gomez e Antonio Padellaro al leader del Movimento 5 stelle Giuseppe Conte alla Festa del Fatto Quotidiano (QUI L’INTERVISTA INTEGRALE), l’ex premier ha ricostruito l’iter che ha portato all’approvazione dei decreti Sicurezza durante il suo primo governo, ammettendo come di aver commesso degli errori. La prima versione dei testi, ha spiegato, fu modificata. Ma non si riuscì a intervenire su tutto. “L’abolizione della protezione internazionale senza una soluzione alternativa concreta mi ha sempre, fin dall’inizio, destato perplessità – ha risposto il leader del Movimento 5 stelle – Perché avrebbe comportato lasciare centinaia di migliaia di persone per strada, come poi è successo. Quando oggi dico che è stato commesso un errore non mi distacco. Perché io quel provvedimento l’ho sottoscritto, me ne assumo le responsabilità. Ma vogliamo dire che è stato un errore?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conte alla Festa del Fatto: “Con Grillo ci confrontiamo spesso. Mia capacità manageriale? Non ho mai pensato che il M5s fosse un’azienda”

next